Contro la brutale chiusura del giornale e l’illegittimo oscuramento del sito internet

“L’Ora”, occupata anche la redazione di Reggio

La redazione di Reggio Calabria de “l’Ora”, occupata dai giornalisti

La redazione di Reggio Calabria de “l’Ora”, occupata dai giornalisti dal 18 aprile in assemblea permanente

REGGIO CALABRIA – Dopo la redazione centrale di Rende, anche quella di Reggio Calabria è occupata dai giornalisti de “l’Ora della Calabria”, dal 18 aprile in assemblea permanente contro

leggi...
Da un gruppo armato mentre stavano intervistavando un leader della protesta filorussa

Giornalisti russi sequestrati ed espulsi dall’Ucraina

LifenewsMOSCA (Russia) – Due giornalisti del sito giornalistico russo “L!fenews.ru”, considerato vicino ai servizi segreti di Mosca, sono stati espulsi dall’Ucraina dopo essere attaccati e sequestrati da un gruppo armato vicino a Donetsk mentre stavano

leggi...
Rapporto Osa, dal gennaio 2010 alla fine del 2013, nei 35 stati indipendenti

Almeno 78 giornalisti assassinati in America

Giornalisti assassinatiSAN PAOLO (Brasile) – In quattro anni sono stati assassinati in America almeno 78 giornalisti nell’adempimento del loro mestiere di cronisti. Lo rivela un’indagine della Commissione interamericana per i diritti umani dell’Osa, l’Organizzazione degli Stati Americani.  

leggi...
Cronaca della prima notte di occupazione della redazione centrale di Rende

L’Ora occupata: il “killer” non ci fa più paura

Ora occupataRENDE (Cosenza) – E’ la prima notte di occupazione e tutto scorre senza colpi di scena. Qualcuno dirà meno male! Vero, il fatto, però, è che tutto questo un po’ ci annoia. Veniamo da giorni talmente intensi, difficili, folli e inquietanti che il silenzio della notte quasi ci disorienta. Dovremmo dormire, a volte ci proviamo anche, ma non dura quanto dovrebbe durare.
Lì fuori l’insegna luminosa della Gazzetta del Sud: sembra un gigante d’acciaio rispetto al nostro piccolo fragile striscione di carta e battaglia che prima o poi il vento si porterà via. Siamo dell’idea, senza divisioni, di essere completamente fuori di testa e abbiamo tutto

leggi...
Regolo: “Il nostro lavoro rischia di essere vanificato e la nostra libertà calpestata”

Redazione occupata: è “l’Ora” della dignità

Lo striscione appeso alle finestre della redazione centrale di Rende occupata dai giornalisti

Lo striscione appeso alle finestre della redazione centrale di Rende occupata dai giornalisti de l’Ora della Calabria”

RENDE (Cosenza) – Un 25 aprile particolare per noi dell’Ora. Mentre, seduto accanto a Carlo Parisi, segretario regionale e vicesegretario nazionale della Fnsi, e ai colleghi del Cdr, parlavo con i giornalisti delle altre testate di quanto stiamo subendo in termini di brutale calpestio delle libertà sindacali, ma anche di incredibile mancanza di rispetto della dignità umana e professionale, per un attimo ho pensato

leggi...
La Fnsi sul 25 aprile: “Per la libertà lotta permanente e impegno contro le ingiustizie”

Giornalismo libero simbolo di riconquistata libertà

Roberto Bencivenga

Roberto Bencivenga

Sergio Lepri

Sergio Lepri

Franco Siddi

Franco Siddi

ROMA – “Il 25 aprile non è una semplice giornata del ricordo di ciò che abbiamo vissuto e di ciò che è stato fatto per riconquistare la nostra libertà. E’ una giornata che ci chiede rinnovati impegni per preservare un bene mai conquistato in assoluto.
E’ un giornata che ci fa vivere il senso e la portata della nostra Costituzione nata dalla Resistenza al nazifascismo e che ci deve far indignare se qualcuno mette in discussione i valori di questa lotta, che

leggi...
“Quali intrecci dietro il tracollo della società?”. Domani conferenza stampa a Rende

I giornalisti dell’Ora: “Parola alla Magistratura”

Ora della CalabriaRENDE (Cosenza) – “E’ stata ufficializzata, alla vigilia del 25 aprile, l’ennesima beffa per i giornalisti dell’Ora della Calabria (già Calabria Ora). Il liquidatore Giuseppe Bilotta ha prima comunicato il godimento delle ferie forzate per quindici giorni e, a strettissimo giro, ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per la totalità dei dipendenti della C&C, società editrice del quotidiano”. Lo afferma l’Assemblea dei giornalisti de “l’Ora della Calabria”, sottolineando che

leggi...
Carlo Parisi (Fnsi): “Una vergognosa provocazione. Alcun aspetto sarà tralasciato”

L’Ora della Calabria licenzia tutti i lavoratori

La redazione centrale de “l’Ora della Calabria”

La redazione centrale de “l’Ora della Calabria”

RENDE (Cosenza) – “Una vergognosa provocazione che impone l’attivazione di tutte le procedure giudiziarie finalizzate a fare piena luce su una vicenda nata male e finita nel peggiore dei modi”. A 24 ore dall’incontro con il Comitato di redazione e il direttore de “l’Ora della Calabria”, Luciano Regolo, assistiti dal vicesegretario nazionale Fnsi, Carlo Parisi, e dall’avv. Mariagrazia Mammì dell’Ufficio legale del Sindacato Giornalisti della Calabria, il liquidatore del “Gruppo Editoriale C&C”, Giuseppe Bilotta, ha comunicato l’attivazione della procedura ex legge 223/91 art. 4 e 24 per il licenziamento collettivo di tutto il personale dipendente, ovvero di 66 lavoratori, dei quali una sessantina di giornalisti.

Carlo Parisi e Luciano Regolo

Carlo Parisi e Luciano Regolo

“Sbattere in questo modo la porta in faccia a 66 lavoratori che, tra vessazioni e sacrifici di ogni genere, esclusivamente grazie al loro onesto lavoro hanno dato dignità al giornale  – afferma il vicesegretario della Fnsi, Carlo Parisi – rispecchia evidentemente lo «stile» di un soggetto, il liquidatore Giuseppe Bilotta, che  nella sua “comunicazione preventiva” e nelle due e-mail inviate ieri e oggi al Comitato di redazione, ai sindacati ed a Confindustria

leggi...
8 tra direttori e cronisti di Gazzetta del Sud, Quotidiano della Calabria e Calabria Ora

Giornalisti condannati senza essere avvisati

Gazzetta del SudIl Quotidiano Calabria OraREGGIO CALABRIA – Un decreto penale di condanna, con conversione della pena detentiva in una pena pecuniaria compresa tra i 1.500 euro e i 3.000 euro ciascuno, è stato emesso dal gip di Salerno, Maria Zambrano, nei confronti di otto giornalisti, accusati di aver pubblicato «atti e documenti – si legge nelle imputazioni formulate dal pm di Salerno, Rocco Alfano – per i quali, al momento della loro pubblicazione, anche se non più coperti da segreto istruttorio, vigeva ancora il divieto di pubblicazione».
I giornalisti avevano pubblicato, a partire dal mese di gennaio del 2013, notizie

leggi...
Il direttore Luciano Regolo e il vicesegretario Fnsi, Carlo Parisi, fanno il punto

Il liquidatore de “L’Ora” minaccia i licenziamenti

leggi...
design   emme21