Chiusa l’indagine sul sito internet antisemita che prese di mira anche il Papa

Caso Holywar: sotto accusa 7 persone

BOLZANO – Il pm di Bolzano Igor Secco ha chiuso l’indagine Holywar, dal nome del sito internet antisemita, ancora attivo, a cui si riferisce: sotto accusa ci sono 7 persone a cui viene contestata la diffamazione e la discriminazione razziale.
Tra le personalità prese di mira dal sito anche molti nomi noti quali Silvio Berlusconi, Mario Monti, Matteo Renzi, Franco

leggi...
Un’“app” per iPhone e iPad da cui scaricare liturgia delle ore, messale, preghiere

L’“iBreviary” di Don Padrini fa pregare il mondo

 

iBreviary: per ora in 9 lingue

Don Paolo Padrini

TORINO – “iBreviary”? Un successo da diversi milioni di utenti. Sicuramente un fenomeno planetario perché grazie alle nove lingue con cui l’app si può scaricare, ha varcato confini e oceani.
Dalla Nuova Zelanda dove sono sempre di più i sacerdoti che dicono Messa con l’iPad alle terre di lingua araba dove l’app apre una porta digitale alla libertà religiosa.
Don Paolo Padrini è l’ideatore del progetto “iBreviary” (che ora ha anche un sito internet: www.ibreviary.org). Classe 1973 si presenta come “un appassionato di tecnologia” ma anche e soprattutto parroco della parrocchia di S. Giorgio in Stazzano, nel sud del Piemonte, “perché non potrei

leggi...
Sedi di rappresentanza sul territorio nazionale: lo esige il governo

Turchia: “I social network aprano i loro uffici”

Il premier turco Erdogan

ANKARA (Turchia) – Il governo turco esige dalle compagnie che gestiscono social network operanti nel Paese l’apertura di uffici di rappresentanza sul territorio nazionale: lo ha reso noto il ministro delle Finanze, Mehmet Simsek, a margine di un incontro con emissari di Twitter finalizzato a risolvere la disputa che oppone la compagnia americana di micro-blogging, oltre a diverse altre, alle autorità di Ankara.
Il 20 marzo scorso Twitter era stato oscurato in Turchia, tornando non senza difficoltà

leggi...
Presentata dal Sindacato a Reggio Calabria la “guida multimediale” per la scuola

Il ruolo dei giornalisti nella rivoluzione digitale

Filippo Praticò, Luigi Caminiti, Carlo Parisi e Pino Toscano a

Filippo Praticò, Luigi Caminiti, Carlo Parisi e Pino Toscano

REGGIO CALABRIA – Con l’illustrazione della guida multimediale “Una visione unitaria della Scuol@ digitale”, il Sindacato Giornalisti della Calabria ha avviato il piano di azioni formative e di interventi finalizzati alla diffusione della cultura digitale attraverso lo sviluppo delle specifiche competenze nella pubblica amministrazione e l’istituzione di redazioni giornalistiche nei siti web istituzionali. Il progetto, promosso nell’ambito delle iniziative per il 40° anniversario del Sindacato Giornalisti della Calabria, è stato al centro di una riunione operativa tenutasi nella sala delle conferenze di via Biagio Camagna 28, a Reggio Calabria.
I lavori sono stati presieduti da Carlo Parisi, vicesegretario nazionale Fnsi e direttore del quotidiano on line “giornalistitalia.it”, che ha stimolato la predisposizione del piano formativo per cogliere dalla diffusione dell’uso degli strumenti ICT – Information Communication Tecnology

leggi...
Sindacato giornalisti per la digitalizzazione della P.A. e l’alfabetizzazione digitale

Guida multimediale per la Scuol@ digitale

scuola digitale REGGIO CALABRIA – La guida multimediale “Scuol@ 2.0”, è stata pensata dal Sindacato Giornalisti della Calabria per favorire il processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione in Calabria e diffondere l’alfabetizzazione digitale, intesa come acquisizione delle competenze digitali di base necessarie ad acquisire una piena cittadinanza digitale – capacità di “saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie di informazione e comunicazione

leggi...
Presentate a Roma dall’Agenzia per l’Italia Digitale che... non ha la “redazione web”

“Linee guida” per diffondere la cultura digitale

La presentazione delle “Linee guida” dell’Agid

La presentazione delle “Linee guida” dell’Agid

Filippo Praticò
ROMA – L’Italia si è finalmente dotata di un programma per diffondere una concreta cultura digitale e fare acquisire quelle competenze digitali necessarie a modernizzare il Paese ed allinearlo alle nazioni più avanzate in Europa. Un piano cioè, mirato a formare cittadini, pubblica amministrazione e imprese, affinché si sappiano “utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie di informazione e comunicazione per  il lavoro, il tempo libero e la comunicazione”, come indicato già nel 2006 dalla Raccomandazione UE numero 962/CE.
A Roma, nella sede dell’AgID – Agenzia per l’Italia Digitale – sono state presentate le “Linee guida e le indicazioni strategiche e operative” del Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali.

leggi...
Più di 970 milioni di account, ma quelli “attivi” nel 2013 erano 241 milioni

Twitter: la metà degli utenti non ha mai…twittato

ROMA – Nonostante la “rivoluzione” in termini sociali e politici di Twitter, il microblog ha una potenza di fuoco ancora inespressa: secondo Twopcharts (uno dei siti che monitorano l’attività sul social network, ndr) quasi la metà degli iscritti, il 44%, non ha mai inviato un tweet. Solo il 13% ha

leggi...
Nuovo attacco del premier ai social network: “Aziende create a scopo di lucro”

Turchia: per Erdogan Twitter è un evasore fiscale

Recep Tayyip Erdogan

ANKARA (Turchia) – Il premier turco punta nuovamente il dito contro Twitter, accusato questa volta di “evasione fiscale”. “Twitter, YouTube e Facebook sono aziende internazionali create a scopo di lucro”, ha affermato Recep Tayyip Erdogan in una dichiarazione alla

leggi...
E’ tornato attivo il popolarissimo social network di scambio e ritocco di fotografie

Instagram in tilt: l’ira di 200 milioni di utenti

InstagramWASHINGTON (Usa) – Dopo un’infuocata serata, verso le ore 20 è tornato attivo il popolarissimo social network di scambio e ritocco di fotografie Instagram.
Nel pomeriggio è scoppiata, infatti, la protesta in rete dei circa 200 milioni di utilizzatori del sistema comprato, nel 2012, da Marck Zuckerberg, fondatore di Facebook, per circa 1 miliardo di dollari.

leggi...
Dal 2015 si potranno guardare su internet i programmi delle reti di Murdoch

Accordo Sky-Telecom per la tv via web

MILANO – Sky e Telecom Italia hanno siglato un accordo che consentirà dal 2015 di guardare i programmi delle reti di Rupert Murdoch via internet, attraverso le reti ultrabroadband, quelle in fibra ottica, con un

leggi...
design   emme21