Il segretario del sindacato dei giornalisti al governo: “Non sono aiuti impropri”

Siddi (Fnsi): “Subito gli interventi per l’editoria”

Franco Siddi

Luca Lotti

ROMA – Gli interventi per l’informazione e l’editoria previsti dalla legge di stabilità sono strumenti di politica industriale e per il lavoro che debbono trovare coerente attuazione già a partire dalle prossime settimane.
Le risorse pubbliche previste, in questo quadro, non possono essere perciò considerate alla stregua degli aiuti impropri di Stato o delle spese superflue o meramente assistenziali.
Ora che il Governo Renzi ha superato la fase di rodaggio, sarà bene, perciò, sia presto operativo e concreto in materia di politica economica e sociale e, in questo caso, anche per la pluralità e la qualità del

leggi...
Lo dicono i dati della Fcp: a febbraio -15% di investimenti su quotidiani e periodici

Carta stampata: pubblicità in caduta libera

MILANO – Nuovo pesante calo della pubblicità raccolta dalla carta stampata in Italia nel mese di febbraio. Secondo i dati della Federazione Concessionarie

leggi...
Lo ha accertato la Guardia di Finanza nel 2013. 39 emittenti segnalate per violazioni

Editoria: oltre 68 milioni di fondi illeciti

Guardia di FinanzaROMA – Oltre 34 milioni di euro di omesso versamento del canone di concessione da parte delle imprese radiotelevisive; 39 emittenti segnalate per 433 violazioni in trasmissioni nocive ai minori; più di 68 milioni di contributi pubblici per il sostegno all’editoria percepiti illecitamente.
Numeri da capogiro che rappresentano, purtroppo, i principali risultati ottenuti dal Nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria, reparto della Guardia di Finanza, nell’anno 2013.
Tra i controlli più significativi effettuati dalle Fiamme Gialle nel 2013, condotti in stretta collaborazione con l’AgCom, va segnalata, in particolare,

leggi...
L’Assemblea dei giornalisti in stato di agitazione: “Garanzie da interlocutori ufficiali”

“l’Ora della Calabria”: pronti 10 giorni di sciopero

Ora della CalabriaLAMEZIA TERME (Catanzaro) – L’assemblea dei giornalisti de “l’Ora della Calabria”, riunitasi ieri, 5 aprile, a Lamezia Terme, alla presenza del vicesegretario Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, esprime viva preoccupazione per il grave stato d’incertezza che caratterizza l’attuale situazione della testata ed il futuro di tutti i lavoratori.
Al momento, infatti, alcuna comunicazione ufficiale è pervenuta al Comitato di redazione ed al Sindacato dei giornalisti, sia rispetto allo stato di liquidazione della società editrice

leggi...
Grave e inaccettabile la procedura di licenziamento collettivo per cinque giornalisti

“Il Messaggero”, al Cdr 5 giorni di sciopero

Il MessaggeroROMA – L’assemblea dei redattori de “Il Messaggero” ha approvato (con un voto contrario ed un astenuto) un documento nel quale giudica“ grave e inaccettabile” l’avvio da parte della società editrice della procedura di licenziamento collettivo di cinque colleghi ai sensi della legge 223/91, attivata mentre è ancora in corso uno stato di crisi (ex legge 416/81), che ha previsto la cassa integrazione straordinaria per 29 persone.

leggi...
Per il segretario del sindacato, però, “la Fieg deve assumersi più responsabilità”

Siddi (Fnsi): “Il contratto è possibile”

Franco Siddi

Franco Siddi

FIRENZE – “Siamo a un punto di svolta: il contratto è possibile”. Lo ha detto il segretario nazionale della Fnsi, Franco Siddi, parlando del contratto nazionale di lavoro dei giornalisti, oggi a margine di un convegno a Firenze. Il prossimo 17 aprile “ci sarà un passaggio importante nella commissione contratto” del sindacato giornalisti.
“Stiamo lavorando in maniera serrata con gli editori – ha proseguito Siddi – a un contratto di ‘salvaguardia’ e di prospettazione del futuro essenziale per il settore, fatto di imprenditori intelligenti, che vogliono riprendere in mano le sorti dell’impresa editoriale, e di giornalisti che si assumono responsabilità grandi in questa stagione. Vorremmo vedere la Fieg

leggi...
In edicola da giugno un nuovo quotidiano nazionale con un’edizione regionale

Reggio Calabria, Sansonetti lancia “il Garantista”

Piero Sansonetti

Piero Sansonetti

REGGIO CALABRIA – Mentre su “l’Ora della Calabria” incombe seriamente il rischio chiusura, il suo ex direttore, Piero Sansonetti, sceglie proprio la città dello Stretto per lanciare la sua nuova scommessa: “Cronache del Garantista”, o più semplicemente “il Garantista”, quotidiano nazionale con sede a Roma ed una redazione a Reggio Calabria che comprenderà una ventina di giornalisti calabresi.
Il motivo della loro presenza è  legato alla cordata di imprenditori calabresi che finanziano l’iniziativa con la costituita “Edizioni il Garantista”, con in testa il presidente di Confindustria, Andrea Cuzzocrea. Costituita anche la cooperativa dei giornalisti, Sansonetti è già al lavoro su un progetto editoriale che prevede un giornale in due dorsi di 20-24 pagine, con un’edizione nazionale diffusa in 20mila copie ed una calabrese con altre 10mila dedicate alla cronaca locale.

leggi...
Giornalisti e collaboratori da 7 mesi fanno uscire il giornale in condizioni impossibili

Quale futuro per “La Voce di Romagna”?

La Voce di RomagnaRAVENNA – L’assemblea dei giornalisti e dei collaboratori de “La Voce di Romagna” chiede all’editore e alla proprietà di “garantire le normali retribuzioni nei tempi previsti, paritariamente per 
tutti e per ciascuno; compiere ogni passo ragionevole per garantire la continuità aziendale, ovvero il passaggio ad un nuovo assetto proprietario, non scartando a priori nessuna soluzione, tanto meno quelle che consentono l’accesso ad ammortizzatori sociali”.
I giornalisti de “La Voce di Romagna”

leggi...
Rousselot lascia dopo gli scontri tra la redazione e il nuovo top manager

Liberation: è guerra, si dimette il direttore

Fabrice Rousselot

Fabrice Rousselot

LiberationPARIGI (Francia) . E’ guerra aperta, nello storico quotidiano francese Liberation, tra la redazione e il nuovo “direttore operativo” Pierre Fraidenraich, accusato di non essere né all’altezza del posto assegnatogli né in linea con le tradizionali posizioni della testata.
La situazione è talmente tesa che, riporta il sito di Le Monde, il direttore Fabrice Rousselot, in carica da meno di un anno, ha presentato le dimissioni, scegliendo di ritornare a fare il corrispondente dagli Stati Uniti. In un’assemblea dai toni surriscaldati, secondo il resoconto che ne dà il sito del magazine Telerama, i redattori, che già avevano

leggi...
La Nuova Ferrara compie 25 anni e li festeggia con una tre giorni di appuntamenti

Nozze d’argento tra Ferrara e il suo quotidiano

FERRARA – Un anniversario degno di nota quello che “la Nuova Ferrara” si appresta a festeggiare: il quotidiano compie 25 anni e, per consacrare le nozze d’argento con l’informazione ai ferraresi, ha organizzato una tre giorni densa di iniziative. Si comincia domani, alle 16.30, nella

leggi...
design   emme21