Costituita l’associazione “per tramantare la storia dell’ex direttore”. Sasso presidente

Fantasia napoletana: il fan club Emilio Fede

Emilio Fede con i fondatori dell’associazione

Emilio Fede con i fondatori dell’associazione

NAPOLI – Costituita a Napoli l’associazione “Amici di Emilio Fede fan club”. L’idea è di esponenti del mondo della società civile e del giornalismo “per valorizzare l’esperienza dell’ex direttore del Tg1, di Studio Aperto e del Tg4,

leggi...
Stanziati 2,5 milioni per 3 anni. De Luca: “La stampa è libera quando c’è il lavoro”

Campania: dopo 18 anni la Legge Editoria

Da sinistra: Ottavio Lucarelli, Vincenzo De Luca e Mimmo Falco

Da sinistra: Ottavio Lucarelli, Vincenzo De Luca e Mimmo Falco

NAPOLI – «Abbiamo dato risposta ad una parte del mondo del lavoro qualificata, professionalizzata ed essenziale per le funzioni democratiche da tutelare». Queste le parole del presidente della Regione Campania,

leggi...
L’uomo, 41 anni, di Caivano si era scagliato contro Vittorio Brumotti e i suoi colleghi

Aggredì la troupe di “Striscia la notizia”, arrestato

Vittorio Brumotti

Vittorio Brumotti

NAPOLI – Un 41enne è stato arrestato ieri sera dai carabinieri della Tenenza di Caivano per l’aggressione a Vittorio Brumotti e alla troupe di “Striscia la notizia”, avvenuta lo scorso 11 gennaio all’interno del parco di Caivano durante un servizio giornalistico sullo spaccio di droga. L’uomo, residente a Caivano (Napoli), è accusato di violenza privata aggravata e danneggiamento, commessi con altri soggetti in corso di identificazione.
Secondo la ricostruzione del gip, il 41enne ha colpito ripetutamente con gomitate l’auto in cui si erano rifugiati i giornalisti, cercando di distruggere lo specchietto retrovisore e danneggiando visibilmente la carrozzeria. All’aggressione hanno

leggi...
È morto ieri per un’infezione ai polmoni dopo aver combattuto a lungo la leucemia

Addio al giornalista Antonio Boccia, 41 anni

Antonio Boccia

Antonio Boccia

POGGIOMARINO (Napoli) – Un grave lutto ha colpito il mondo del giornalismo e dello sport campano. A soli 41 anni è morto, ieri pomeriggio, Antonio Boccia. Era ricoverato all’ospedale di Aversa per complicazioni respiratorie legate ad un’infezione ai polmoni che lo ha colpito quando sembrava fosse riuscito a vincere la leucemia contro la quale ha combattuto a lungo, con dignità e coraggio.
Nato il 18 dicembre 1976, Antonio Boccia era giornalista pubblicista iscritto all’Ordine della Campania dal 16 maggio 2005.
Imprenditore e grande appassionato sport, è stato presidente del Gruppo Sportivo Isef di Poggiomarino, che ha conquistato

leggi...
Il presidente della Campania minaccia querele, Rai e Odg respingono le accuse

De Luca si scaglia contro Presa Diretta di Rai 3

Riccardo Iacona e Vincenzo De Luca

Riccardo Iacona e Vincenzo De Luca

NAPOLI – Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, si scaglia contro Rai 3, definendola “principale strumento di diffusione di analfabetismo e demagogia nel nostro Paese”, e scatena una dura presa di

leggi...
Storico cronista del Roma aveva 85 anni. Il cordoglio dell’Ordine. I funerali a Portici

Giornalismo campano in lutto: addio Gianni Filosa

Gianni Filosa

Gianni Filosa

PORTICI (Napoli) – Lutto nel mondo del giornalismo campano. È morto Gianni Filosa, storico cronista del quotidiano Roma. Nato il 15 settembre 1932, era giornalista professionista iscritto all’Ordine della Campania dal 1° ottobre 1961.

leggi...
L’hanno buttata a terra nel centro di Napoli e le hanno sottratto il telefono cellulare

Violento scippo alla fotoreporter Roberta De Maddi

Roberta De Maddi

Roberta De Maddi

NAPOLI – Attimi di terrore per la fotoreporter Roberta De Maddi, spinta a terra e scippata del telefono cellulare a Napoli. La professionista napoletana è stata aggredita nel centralissimo Corso Umberto da due giovani che, strattonandola, le hanno strappato di mano l’iPhone.
Fortunatamente nella caduta, aggravata dalla pioggia battente che rendeva il selciato scivoloso, Roberta non ha riportato serie conseguenze.
Denunciato il fatto in Questura, la giovane giornalista ha appreso che, soltanto nell’ultima settimana, è il terzo episodio del genere che si verifica nel capoluogo partenopeo, a conferma

leggi...
Signore del diritto e del giornalismo, aveva 76 anni. È stato consigliere nazionale Odg

Napoli piange un galantuomo: Maurizio De Tilla

Maurizio De Tilla

Maurizio De Tilla

NAPOLI – Avvocati e giornalisti in lutto per la scomparsa di Maurizio De Tilla, signore del diritto e del giornalismo. Avvocato civilista dal 1966, patrocinante in Cassazione, Toga d’onore, Premio De Robertis, Toga al merito forense, De Tilla ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio: presidente dell’Ordine degli avvocati di Napoli, presidente della Cassa nazionale di previdenza forense dal 1997 al 2007, presidente dell’Adepp (Associazione degli Enti previdenziali privati e privatizzati) e dal 2013 del Cup (Comitato Unitario delle Professioni) e dell’Anai (Associazione nazionale avvocati italiani)

leggi...
Siglato l’accordo per il “panino” tra Andrea Riffeser Monti e Vito Di Canto

QN sbarca in Campania e sposa La Città

Andrea Riffeser Monti

Andrea Riffeser Monti

SALERNO – QN-Quotidiano Nazionale arriva in Campania: a partire da domani, venerdì 10 novembre, i lettori di Salerno e provincia, infatti, troveranno in edicola QN-Il Giorno, con il loro quotidiano La Città. A comunicarlo è il Gruppo Poligrafici Editoriale, che edita il Quotidiano Nazionale, “nato con la vocazione di sviluppare nuove alleanze con le testate del territorio, – sottolinea il Gruppo – e diventare un partner di riferimento per gli editori locali, apportando l’autorevolezza delle proprie firme e la ricchezza della propria informazione nazionale e internazionale per la creazione di un network di stampa indipendente.

leggi...
Crescenzio Sepe alla giornalista che gli chiedeva lumi su una vicenda di pedofilia

Il cardinale alla cronista: “Preparati alla morte”

Il cardinale Crescenzio Sepe intervistato stamane a Poggioreale

Il cardinale Crescenzio Sepe intervistato stamane a Poggioreale

NAPOLI – Un’ironia che lascia parecchio amaro in bocca quella utilizzata dal cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, per mettere un freno alle domande di una giornalista che gli chiedeva aggiornamenti su una vicenda di pedofilia all’interno della curia napoletana che vede coinvolti alcuni sacerdoti.
Come riporta l’agenzia Vista, Sepe, che stamane ha celebrato una messa

leggi...
design   emme21