L’incontro col prefetto Tomao riaccende la speranza di affidare la testata ai giornalisti

L’Ora della Calabria presto tornerà on line

Ora PrefetturaCOSENZA –  Il liquidatore dell’Ora della Calabria, Giuseppe Bilotta, ha espresso la propria “disponibilità ad esibire la documentazione necessaria per l’eventuale proposta di gestione diretta della testata da parte dei lavoratori, e il proprio impegno alla riattivazione, in un termine breve, del sito web anche al fine di evitare il maturare di ulteriori oneri passivi”.
Questo l’esito dell’incontro che, questa mattina, il prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, su richiesta del vicesegretario nazionale della Fnsi, Carlo Parisi, ha avuto con il direttore responsabile del quotidiano “L’Ora della Calabria”, Luciano Regolo, unitamente ai componenti del Comitato di Redazione, ai rappresentanti sindacali

leggi...
La conclusione cui sono giunti i consulenti tecnici nominati dalla Procura di Cosenza

Nessun guasto alla rotativa dell’Ora della Calabria

Umberto De Rose

Umberto De Rose

rotativaCOSENZA – Nessun guasto alla rotativa. E’ questa la conclusione a cui sono giunti i consulenti tecnici nominati dalla Procura di Cosenza nell’ambito della vicenda giudiziaria nota con il nome “Oragate”.
Prende sempre più corpo, dunque, l’ipotesi che la sera del 18 febbraio, qualcuno staccò di proposito la spina per impedire così l’uscita in edicola dell’Ora della Calabria.

leggi...
Interrogazione del deputato Alfredo D’Attorre (Pd) che chiede l’intervento del Governo

Il caso “l’Ora della Calabria” in Parlamento

Ora della Calabria

Alfredo D’Attorre

Alfredo D’Attorre

ROMA – La brutale sospensione delle pubblicazioni de “l’Ora della Calabria” finisce in Parlamento e sarà oggetto di discussione a Montecitorio. Il deputato Alfredo D’Attorre (Pd) ha, infatti, presentato un’interrogazione a risposta orale al presidente del Consiglio dei ministri e ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico chiedendo l’intervento del Governo sullo stop delle pubblicazioni del quotidiano calabrese.
“Il 18 febbraio – ricorda D’Attorre – scoppia il caso relativo all’Ora della Calabria, giornale edito dalla società C&C e diretto da fine dicembre da Luciano Regolo. In quella data il giornale si prepara a pubblicare

leggi...
“Finanziamento pubblico a chi garantisce pluralità dell’informazione e libertà”

L’Ora: “Il ministro Lanzetta in linea con la Fnsi”

Il direttore Luciano Regolo ed il ministro Maria Carmela Lanzetta nella redazione occupata dell’Ora

Il direttore Luciano Regolo ed il ministro Maria Carmela Lanzetta nella redazione occupata dell’Ora

RENDE (Cosenza) – “E’ stato un incontro toccante quello di oggi con il ministro agli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta, e non solo per lo sprone che ha dato a tutta la redazione per la continuazione della nostra battaglia in difesa della testata e dei posti di lavoro. La sua presenza è il segno di un concreto interesse

leggi...
Il ministro in visita alla redazione occupata “per una battaglia di legalità”

Lanzetta: “Al fianco dei giornalisti dell’Ora”

RENDE (Cosenza) – “Sono qui per testimoniare l’importanza che ha per tutti, ed in particolare in Calabria, la libertà di stampa e per cercare di scongiurare la perdita del posto di lavoro dei molti giornalisti

leggi...
Redattori e collaboratori in lotta contro la chiusura del giornale decisa dal liquidatore

L’Ora, presidiata anche la redazione di Siderno

Redattori e collaboratori della redazione di Siderno dell’Ora

Redattori e collaboratori della redazione di Siderno dell’Ora

SIDERNO (Reggio Calabria) – Anche i giornalisti della Locride de “L’Ora della Calabria” hanno presidiato la redazione di Siderno, nell’ambito dell’occupazione che vede coinvolte le sedi di Rende e Reggio Calabria a seguito dello stop delle pubblicazioni della testata.

leggi...
Ha messo a disposizione una sala del Ministero per una manifestazione pubblica

ll ministro Lanzetta nella redazione dell’Ora

Il ministro Maria Carmela Lanzetta con i giornalisti Pier Paolo Cambareri, Francesco Ferro, Francesco Cangemi, Simona Musco, Antonio Alizzi, Alfonso Bombini, Deborah Furlano e Morena Gallo nella redazione occupata dell’Ora della Calabria

Il ministro Maria Carmela Lanzetta con i giornalisti Pier Paolo Cambareri, Francesco Ferro, Francesco Cangemi, Simona Musco, Antonio Alizzi, Alfonso Bombini, Deborah Furlano e Morena Gallo nella redazione occupata dell’Ora della Calabria

RENDE (Cosenza) – Il ministro  degli Affari Regionali, Maria Carmela Lanzetta, alle 13 di oggi, ha incontrato i giornalisti dell’Ora della Calabria, nella redazione centrale dell’Ora della Calabria in stato di occupazione. L’ex sindaco di Monasterace si è impegnata a portare il caso del quotidiano calabrese

leggi...
Celebrata a Cagliari la VII Giornata della memoria delle vittime di mafia e terrorismo

Il sangue dei giornalisti per la libertà di stampa

Franco Siddi

Franco Siddi

Giornata della memoriaCAGLIARI – “Il ricordo di quanti, in Italia, hanno perso la vita colpiti dalla violenza criminale e dal terrorismo, per spegnerne le loro voci di libertà e intimidire tutta l’informazione, è un omaggio di riconoscenza unito all’impegno permanente per la libertà”. Lo ha detto, oggi a Cagliari, il segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, componente dell’esecutiivo dell’Ifj, la Federazione internazionale dei giornalisti, in occasione della settima Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, organizzata dall’Unci.

leggi...
Rapporto di Amnesty International sul Pakistan: minacce, atti di violenza e omicidi

Caro giornalista, “C’è una pallottola per te”

Attacks against journalists in Pakistan (1)KARACHI (Pakistan) – Secondo un rapporto diffuso da Amnesty International, dal titolo “C’è una pallottola per te”, i giornalisti del Pakistan vivono sotto la costante minaccia di omicidi, intimidazioni e atti di violenza da parte di servizi segreti, partiti politici e gruppi armati come i talebani. Le autorità non fanno praticamente nulla per fermare le violazioni dei diritti umani contro gli operatori dell’informazione e per portare

leggi...
Non solo nei regimi autoritari, anche in Europa aumentano restrizioni e pressioni

Libertà di stampa: l’Italia al 64° posto

Freedom House

ROMA – L‘Italia è al 64° posto della classifica mondiale della libertà di stampa. In vetta la Svezia, Norvegia e Olanda, seguite da Finlandia e Belgio. Gli Stati Uniti figurano al 30° posto, la Francia al 33°,

leggi...
design   emme21