Imbrattato a Malta l’altare spontaneo per la giornalista uccisa con un’autobomba

Caruana Galizia: uova e ketchup sul memoriale

Il Memoriale dedicato a Daphne Caruana Galizia imbrattato di rosso (Times of Malta)

LA VALLETTA (Malta) – Il memoriale spontaneo in onore di Daphne Caruana Galizia, che da due anni ricorda la giornalista con candele, fiori e fotografie poste davanti al monumento al Grande Assedio del 1565 nel pieno centro della Valletta, è stato vandalizzato per il secondo giorno consecutivo.
Ieri ignoti contestatori avevano posto un cartello in cui era scritto che “Daphne Caruana Galizia è il diavolo”, stamani il memoriale è stato imbrattato con uova e un denso liquido rosso, probabilmente ketchup, che dava l’idea di sangue finto. In mattinata è stato ripulito.

Corinne Vella, sorella di Daphne, davanti al memoriale

Il memoriale, che sorge esattamente di fronte all’ingresso del Tribunale, è sorto spontaneamente il 18 ottobre 2017, appena due giorni dopo l’assassinio della giornalista.
Negli anni è stato spesso contestato. Per molti mesi foto e candele sono stati rimossi nottetempo dagli addetti alle pulizie.
Il nuovo premier laburista Robert Abela, successore di Joseph Muscat, poco dopo l’insediamento aveva annunciato che il memoriale non sarebbe stato più rimosso. (ansa)

I commenti sono chiusi