Corriere del Mezzogiorno, Stampa Libera e Indipendente al fianco dei cittadini

“Caro Cairo, la Basilicata merita rispetto”

POTENZA – La decisione dell’editore del Corriere del Mezzogiorno di ridurre drasticamente la foliazione dell’edizione della Puglia ha colpito duramente la Basilicata con la scomparsa delle pagine dedicate a Matera e al suo territorio.

Urbano Cairo

La scelta, definita ufficialmente come una “sospensione”, di fatto priva l’intera regione di una voce che, in un momento già delicato per l’informazione, si stava accreditando come una realtà attenta e obiettiva.
Il piano di ridimensionamento, respinto in una nota dal Corriere del Mezzogiorno di Bari, annulla un lavoro che nell’ultimo anno aveva consentito che l’esempio di Matera diventasse modello dal punto di vista sociale, culturale e etico di un Sud che non ha il cappello in mano e nel quale proprio questo quotidiano aveva svolto un ruolo importante.

Antonella Ciervo

Lo dimostra, ad esempio, il successo della mostra che la Fondazione Matera-Basilicata 2019 ha promosso in collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera e che ha portato all’esposizione delle più belle copertine d’autore dell’inserto culturale del Corriere della Sera nelle sale del Museo Ridola, evento sostenuto con grande rilievo e che oggi appare come una delle incongruenze che fanno più rumore in questa vicenda.
In poche ore il destino dello spazio che il Corriere del Mezzogiorno ha riservato a Matera è cambiato, trasformandosi in un colpevole silenzio che ha cancellato la città dalle pagine del giornale, costretto a fare i conti, nella sua edizione pugliese, con un taglio feroce della foliazione.
La mobilitazione, nata a poche ore dalla notizia, con prese di posizione nette del sindaco di Matera, del presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019, del presidente della Regione Basilicata, dei consiglieri regionali e comunali, di enti e associazioni, insieme alla petizione spontanea di un gruppo di cittadini che ha raggiunto 500 firme in pochi giorni, è il segnale del rifiuto di logiche che vogliono la città e la Basilicata come terra di conquista da invadere e abbandonare a proprio piacimento.
Stampa Libera e Indipendente Basilicata si batterà, dunque, affinché questa scelta venga rivista dall’editore e il lavoro della collega di Matera Antonella Ciervo, rimasta senza nessuna prospettiva occupazionale, non sia vanificato. (giornalistitalia.it)

Stampa Libera e Indipendente Basilicata 
I consiglieri nazionali Fnsi
Pierantonio Lutrelli
Angela Pepe
I consiglieri del direttivo Assostampa Basilicata
Margherita Agata
Alessandro Boccia
Enzo Fontanarosa
Leandro Verde
Il consigliere generale Inpgi
Gianluca Boezio

I commenti sono chiusi