Paolo Borrometi

FANO (Pesaro Urbino) – Lieve intossicazione alimentare ieri a Fano per il giornalista Paolo Borrometi, sotto scorta le sue inchieste antimafia, che è dovuto ricorrere alle cure ospedaliere insieme alla sua scorta per problemi gastrointestinali accusati dopo aver mangiato in un ristorante di Fano una tagliata di tonno, appena scottata: il pesce era stato consegnato al ristorante da un grossista, pronto per essere speziato e servito.
Tutta la tavolata è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso per i postumi della intossicazione da tonno, unico cibo mangiato da tutti: insieme al giornalista, a Fano anche per presentare il suo volume “Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile”, c’erano gli organizzatori dell’incontro nell’ex chiesa di Sant’Arcangelo.
Un’ora di controlli medici e poi le dimissioni (per tutti 2 o 3 giorni di prognosi) con arrivo in ritardo alla conferenza. I carabinieri del Nas hanno controllato il ristorante con gli ispettori dell’Asur, tre medici e 2 veterinari.
All’esercizio non è stato mosso alcun appunto, essendo stata riscontrata la perfetta conservazione di alimenti e cucina. Bloccato, invece, tutto il lotto di tonno al grossista alimentare che nel frattempo lo aveva consegnato anche ad altri ristoranti i quali non lo avevano ancora utilizzato per la cena. Il ristorante è rimasto aperto perché non sono state ravvisate negligenze.
Si attende l’esito degli accertamenti sul tonno sequestrato al ristorante e al fornitore per verificare le cause dell’intossicazione. I gestori del locale si dicono “vittime di quanto accaduto perché il tonno era stato loro fornito già pronto per il servizio a tavolo. Probabilmente – ipotizzano – il batterio si può essere sviluppato durante la filiera tra la pesca e la conservazione per un problema di temperature, che non dà cattivo odore né ha colorazione diversa. Nessuno lo può vedere né accorgersi”. (ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *