Cpj al fianco del fondatore e della redazione dell’emittente indipendente Jurnal Tv

Bavaglio al giornalista moldavo Val Butnaru

Val Butnaru

PARIGI (Francia) — Il Comitato per la protezione dei giornalisti ha lanciato un appello alle autorità moldave chiedendo il ritiro della multa inflitta a Val Butnaru e il divieto alle sue attività lavorative consentendo a lui e ai suoi colleghi di lavorare liberamente.
Il 26 luglio, il tribunale Buiucani della capitale Chisinau ha, infatti, ritenuto colpevole di calunnia Butnaru, fondatore dell’emittente indipendente Jurnal Tv e conduttore del programma culturale “Vânturile, Valurile”, multato di 4.500 lei moldavi (233 dollari Usa) e bandito dal ricoprire incarichi di leadership televisiva e radiofonica per sei mesi.

Cristina Pohilenco

La sentenza – spiega Cristina Pohilenco – deriva da un’indagine di Jurnal Tv del luglio 2021, basata su file trapelati dalla polizia e dal pubblico ministero, in cui si affermava che l’ex capo dell’ispettorato di polizia di Dubăsari era coinvolto nel contrabbando di sigarette insieme ad altri due agenti di polizia, il vicedirettore dell’emittente.
Pohilenco ha aggiunto che Jurnal Tv aveva presentato ricorso contro la decisione e si aspettava che il processo si tenesse in autunno.
Da New York il presidente del Cpj, Jodie Ginsberg, spiega che «la decisione di un tribunale moldavo di multare il fondatore di Jurnal Tv Val Butnaru e impedirgli di lavorare è profondamente inquietante e costituisce un pericoloso precedente per la libertà di stampa nel paese. Le autorità – sottolinea Ginsberg – dovrebbero revocare la multa e il divieto imposti a Butnaru e lasciare che il suo punto vendita riferisca liberamente su questioni di interesse pubblico».
Nel dicembre 2021, su richiesta di Vitalie Grabovski, il capo della polizia implicato nel rapporto del luglio 2021, l’ispettorato di polizia di Buiucani ha intentato una causa per diffamazione contro Jurnal Tv tentando di bloccarla per un anno.

Jodie Ginsberg

Quando Cpj ha contattato Grabovski, tramite un’app di messaggistica per un commento sulla decisione del tribunale, sua moglie, Fulga Grabovski, ha risposto che stava rispondendo a nome di suo marito perché non parlava inglese e ha definito l’indagine di Jurnal Tv «un caso di linciaggio mediatico senza precedenti», dicendo che Jurnal Tv ha utilizzato «prove false» nei suoi rapporti e che lei e suo marito «attualmente stanno combattendo l’intera stampa in Moldova, che si è alleata contro la nostra famiglia».
Pohilenco ha detto al Cpj che Jurnal Tv non credeva che la segnalazione fosse diffamatoria e ha denunciato «gravi violazioni» nei procedimenti legali avviati dalla polizia.
«Consideriamo questa sentenza – ha evidenziato Cpj – come una grave limitazione della libertà di espressione, un inammissibile attacco al diritto della stampa di comunicare al pubblico informazioni relative alle attività illegali praticate da alcuni pubblici ufficiali come come polizia».
Pohilenco sottolinea che «la decisione del tribunale contro Butnaru ha spinto anche gli altri due ufficiali menzionati nelle indagini di Jurnal Tv a sporgere denuncia».
In Moldova, il diritto dei giornalisti di criticare i funzionari governativi e le persone che ricoprono ruoli pubblici è tutelato dall’articolo 9 delle leggi sulla libertà di espressione.
Quando il Cpj ha inviato un’email al tribunale Buiucani di Chisinau, un rappresentante ha indirizzato il Comitato al sito web del tribunale, dove non erano disponibili ulteriori informazioni sul caso di Butnaru. Cpj ha, quindi, inviato un’email all’ispettorato di polizia di Buiucani per un commento, ma non ha ricevuto alcuna risposta. (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *