“Prepensionamenti: discriminatorio il limite dei 35 anni per le nuove assunzioni”

Ast pronta a battersi contro norme ingiuste

Sandro Bennucci (presidente dell’Assostampa Toscana) e Stefano Fabbri (consigliere Fnsi)

FIRENZE – L’Associazione Stampa Toscana, presieduta da Sandro Bennucci, è al fianco dei Comitati di redazione e dei fiduciari soprattutto nella stagione che si sta aprendo e che sarà verosimilmente contrassegnata da richieste da parte degli editori di stati di crisi funzionali a nuovi prepensionamenti.
Presente alla Conferenza nazionale dei Cdr, riunita a Roma giovedì scorso, con una delegazione guidata dal vicepresidente Paola Fichera e dal tesoriere Stefano Fabbri, il sindacato unico e unitario dei giornalisti, anche in Toscana, sottolinea che non firmerà alcun accordo che non preveda l’assunzione di giornalisti al posto dei colleghi prepensionati e questo impegno continuerà insieme a cdr e fiduciari anche nelle fasi di applicazione operativa degli accordi.
La norma contenuta nella Manovra finanziaria che consente agli editori di assumere anche profili non giornalistici al posto dei colleghi prepensionati, come indicato chiaramente dalla Fnsi, non potrà essere applicata con l’ok del sindacato: ci sono in ballo la sopravvivenza dell’informazione professionale, che è presidio di democrazia, e dello stesso Inpgi, l’istituto previdenziale che è una delle basi dell’autonomia della professione giornalistica.
La voce dell’Ast è arrivata chiara e forte anche contro la norma che consente assunzioni in caso di prepensionamenti non solo di precari che hanno, comunque, un rapporto di collaborazione con la testata in stato di crisi, e che di solito sono colleghi sottopagati da anni che posso essere finalmente contrattualizzati, ma anche genericamente di “under 35” che l’editore può selezionare per l’assunzione.
Una norma, questa, che taglia la strada a colleghi licenziati da altre testate o rimasti senza lavoro a metà del loro percorso professionale e che presenta profili di incostituzionalità, quanto alla fissazione di un limite di età, già segnalati, assieme all’Associazione Stampa del Molise ed al Sindacato Giornalisti della Calabria, dall’Associazione Stampa Toscana che è pronta, da subito, ai necessari approfondimenti tecnici per rimuovere questo ostacolo.
Proprio al tema dei precari sono stati dedicati molti dei passaggi degli interventi dei colleghi toscani, tesi a sottolineare la necessità della loro inclusione fino ad imporre la presenza di loro rappresentanti ai tavoli di trattativa.
Dalla Toscana è giunta, inoltre, una sollecitazione alla Fnsi perché la lunga vicenda dell’applicazione del contratto giornalistico negli uffici stampa della pubblica amministrazione, e della sua difesa laddove è già applicato, veda la prossima trattativa con Aran in continuo, stretto e proficuo rapporto con i cdr ed i fiduciari degli uffici stampa, cogliendo gli importanti contributi che possono venire dalla Toscana.
Altri temi non secondari sono rappresentati dalla ricerca di nuove forme di finanziamento del lavoro, nelle quali il sindacato, nel rispetto del proprio ruolo, può indicare nuove e più solidali strade, della necessità di coinvolgere i cittadini informandoli dell’attacco globale in corso contro la professione giornalistica e coinvolgendoli nelle nostre iniziative. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
“Assumere i non giornalisti: così si aiuta l’editoria?”

I commenti sono chiusi