ROMA – L’assemblea dei redattori di Askanews ha proclamato due giorni di sciopero per le giornate di oggi, venerdì 21 e domani, sabato 22 dicembre, «per protestare contro l’ipotesi di ricorso al concordato preventivo all’ordine del giorno del Cda del 24 dicembre e contro la dichiarazione di 27 esuberi presentata dall’azienda».
«Dieci giornalisti in meno (in gran parte prepensionamenti), – spiega l’assemblea – cinque mesi di cassa integrazione al 50% e un contratto triennale con la Presidenza del Consiglio firmato ad agosto. Nonostante tutto questo l’agenzia Askanews rischia di sbattere contro un muro. Sugli oltre 90 giornalisti dell’agenzia di stampa pende la decisione del Cda che verrà presa alla vigilia di Natale».
L’assemblea di Askanews «condanna e respinge questa ipotesi, proprio nel momento in cui l’agenzia dovrebbe essere rilanciata con l’impegno dell’azionista di riferimento Luigi Abete che non può venir meno ai suoi doveri di imprenditore. L’assemblea rimanda al mittente le minacce di ulteriori 27 esuberi e invita il Dipartimento Editoria, con cui l’azienda sta trattando dopo il via libera dell’Avvocatura dello Stato per il recupero di una somma dovuta per i servizi prestati per 10 mesi ad assumersi la propria responsabilità e garantire celerità per evitare che una voce importante dell’informazione primaria muoia».
Inoltre, i redattori «diffidano l’azienda al pagamento di tutte le spettanze dovute ai giornalisti, che si riservano di agire nelle sedi opportune. L’assemblea chiede un incontro urgente con la Presidenza del Consiglio, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i suoi vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio, anche in quanto ministro del Lavoro, perché intervengano per favorire una soluzione positiva della vicenda».

IL SINDACATO: «DOPO UN PIANO LACRIME E SANGUE, L’EDITORE EVITI COLPI DI MANO»

«La Federazione nazionale della Stampa italiana e le Associazione Regionali di Stampa di Roma, Milano e Firenze sono accanto ai giornalisti di Askanews che hanno proclamato due giornate di sciopero, domani e sabato, per protestare contro l’ipotesi di ricorso al concordato preventivo, all’ordine del giorno del Cda del 24 dicembre, e contro la dichiarazione di 27 esuberi presentata dall’azienda».
«A fronte di un piano di ristrutturazione “lacrime e sangue”, – prosegue il Sindacato dei giornalisti – accettato negli scorsi mesi dalla redazione, è necessario che l’editore, Luigi Abete, si assuma le proprie responsabilità evitando colpi di mano, peraltro alla vigilia di un tavolo di confronto sindacale già convocato alla ripresa dopo le festività natalizie. Il sindacato è pronto a sostenere in ogni sede le ragioni della redazione», affermano la Fnsi e le Associazioni Regionali di Stampa». (giornalistitalia.it)

Comments are closed.