Reporters sans Frontieres chiede l’immediata liberazione dei cronisti detenuti

Arabia Saudita: trenta giornalisti in carcere

Riyad, capitale dell‘Arabia Saudita

PARIGI (Francia) – Reporters sans Frontieres (Rsf) si è recata in missione ufficiale per la prima volta ad aprile in Arabia Saudita, dove ha chiesto la scarcerazione di trenta giornalisti in carcere. Lo ha annunciato oggi su Twitter l’organizzazione francese, in occasione di un summit internazionale sulla libertà di stampa organizzato a Londra dai ministeri degli Esteri britannico e canadese.
“Dopo l’assassinio di Khashoggi abbiamo avuto la possibilità di compiere una missione a Riad per chiedere la liberazione dei giornalisti. Abbiamo incontrato i ministri degli Esteri, della Giustizia, dell’Informazione e il procuratore generale”, ha scritto su Twitter Christophe Deloire, segretario generale di Rsf.
L’Arabia Saudita è al 170° posto nella classifica stilata da Rsf sulla libertà di stampa. L’editorialista saudita del Washington Post Jamal Khashoggi è stato ucciso il 2 ottobre scorso nel consolato di Riad a Istanbul. (adnkronos)

I commenti sono chiusi