Dopo l’impugnazione, l’Assostampa Toscana presenta il ricorso al tribunale del lavoro

Antenna Radio Esse: licenziamenti illegittimi

Sandro Bennucci (presidente dell’Associazione Stampa Toscana) e Stefano Fabbri (consigliere nazionale Fnsi)

SIENA – Dopo l’impugnazione, sta per essere presentato anche il ricorso al tribunale del lavoro contro il licenziamento, del tutto illegittimo, dei tre giornalisti “storici” di Antenna Radio Esse di Siena. L’annuncio è stato dato, stamani, dal presidente dell’Associazione Stampa Toscana, Sandro Bennucci, ricevuto dal Comune di Siena.
L’appuntamento, fissato da giorni, era con il sindaco, Luigi De Mossi che, a causa di un contrattempo dell’ultimo minuto, ha fatto ricevere il presidente Ast dal capo di gabinetto e dal segretario generale del Comune, ai quali è stata riassunta la situazione: Antenna Radio Esse “ha licenziato i tre giornalisti storici, dopo decenni di appassionato impegno professionale, motivando la decisione con la soppressione del posto di lavoro”.
Viceversa, da subito, “l’emittente ha ripreso a fornire notiziari senza i tre giornalisti”. Bennucci ha anche escluso che ai tre colleghi possa essere stata fatta una proposta alternativa al licenziamento: “sicuramente ciò non è avvenuto nelle uniche occasioni deputate, ossia durante le due trattative al tavolo istituzionale della Regione”.
L’Associazione Stampa Toscana, “manifestando pieno rispetto per la famiglia del fondatore di Antenna Radio Esse, e rinnovando il profondo cordoglio per il doppio lutto che l’ha colpita, ha ribadito la sua volontà di tutelare fino in fondo i colleghi licenziati e ha rivolto anche al Comune di Siena la richiesta di solidarietà e collaborazione, affinché possano essere riconosciute le loro legittime aspettative”. (giornalistitalia.it)

 

I commenti sono chiusi