Anna Dello Russo (Facebook)

BARI – Premio “Giornalista di Puglia – Michele Campione” alla carriera per Anna Dello Russo, giornalista barese e fashion blogger, esperta di moda, editor at large e consulente creativa di Vogue Japan, alla sedicesima edizione della manifestazione che si è tenuta nel foyer del Teatro Petruzzelli di Bari alla presenza, tra gli altri, del segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso e del presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna.
Nel suo intervento Anna Dello Russo ha sottolineato l’importanza di internet, che “permette di non ragionare più come piccole realtà locali ma come una comunità globale”, proprio perché il web permette di raggiungere e di essere raggiunti da tutti in ogni angolo del mondo. Agli studenti del Master, la professionista ha spiegato che “il mondo della moda è complesso e variegato e la strada è lunga e tortuosa per raggiungere gli obiettivi prefissati”. Ha, quindi, confermato che, per intraprendere la professione del giornalista, è fondamentale studiare.
Per quanto riguarda le altre categorie in concorso, nel Settore Carta Stampata, il premio della Sezione Sport è stato assegnato a Patrizia Nettis (Gazzetta del Mezzogiorno), mentre ha ricevuto una segnalazione Filippo Fasano (Il biancorosso).
Per la Sezione Cultura e Costume, il premio è stato assegnato ad Anna Puricella (La Repubblica), mentre ha ricevuto una segnalazione Onofrio Bruno (Gazzetta del Mezzogiorno).
Per la Sezione Cronaca, il premio è stato assegnato ad Angelo Rossano (Corriere del Mezzogiorno) e ad Alessio Pignatelli (Nuovo Quotidiano di Lecce), mentre ha ricevuto una segnalazione Nicola Sammali e Francesco Gioffredi (entrambi del Quotidiano di Puglia).
Nel Settore Internet, il premio della Sezione Sport è stato assegnato a Gianvito Rutigliano (Repubblica TV) e Fabio Trallo (Cerignolaviva.it). Il premio della Sezione Cronaca è stato assegnato a Domenica Ruggiero (Media Report TV) e Savino Carbone (bitontotv.it), mentre hanno ricevuto una segnalazione Carlo Tesser (Repubblica TV), Paolo Ancora (Quotidiano di Puglia) e Massimiliano Dilettuso (bitontotv.it); mentre il premio Sezione Costume e Società è stato assegnato a Renato Brucoli (odisseo.it).
Nel Settore Radio e Televisioni, il premio della Sezione Cronaca è stato assegnato a Luciana Coluccello (Matrix), mentre ha ricevuto una segnalazione Nicola Scaringi (Rai News); il premio della Sezione Cultura e Costume è stato assegnato ad Antonio Procacci (Telenorba), mentre hanno ricevuto una segnalazione Nicole Cascione (Trm) e Maria Liuzzi (Telenorba).
Il premio della Sezione Sport è stato assegnato a Giovanni Di Benedetto (Telenorba), mentre ha ricevuto una segnalazione Ludovico Fontana (Rai). Per il settore Fotografia, sono stato premiati Saverio De Giglio per la Sezione Sport, Marcello Carrozzo e Michele Piscitelli per la Sezione Cultura e Costume, ed Andrea Gabellone per la Sezione Cronaca.

LORUSSO (FNSI): «IN TUTTE LE CRISI EDITORIALI IL GRANDE ASSENTE È IL GOVERNO»

«È necessario richiamare attenzione sulla difficile vertenza che stanno affrontando i colleghi della Gazzetta del Mezzogiorno. Al di là della specificità, questa vertenza è la metafora dell’atteggiamento di questo Paese verso l’informazione: su tutte le crisi editoriali il grande assente è il governo»: cosi’ ha commentato la crisi dell’editoria italiana e la vertenza che vive La Gazzetta del Mezzogiorno Raffaele Lorusso, segretario nazionale della Fnsi, intervenendo alla cerimonia del Premio Michele Campione nel foyer del teatro Petruzzelli.

VERNA (ODG): «FACCIO APPELLO AI MECENATI AFFINCHÉ SOSTENGANO I GIORNALI»

«L’informazione non si sequestra. Il Premio Campione quest’anno è nel segno della Gazzetta del Mezzogiorno, che vive una crisi difficile, in un contesto complicato nel quale la carta stampata dal 2007 ha ridotto la diffusione di milioni di copie e vive in un circolo vizioso che impatta sui ricavi e sui valori della pubblicità. C’è un rischio ripiegamento dei giornali cartacei se non si riesce a vincere la sfida con il web. Per questo, dopo aver letto su Forbes l’elenco dei “Paperoni d’Italia”, formulo un appello ai “mecenati” del paese affinché, al di là di idee di profitto, si spendano per sostenere i giornali come lievito di democrazia»: questo l’appello formulato dal presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna, intervenuto oggi a Bari al Premio di
giornalismo dedicato a Michele Campione.
«Il cittadino – ha aggiunto Verna – ha il diritto di essere informato. Non passiamo permetterci di spegnere voci del pensiero pensato. Mi appello ai piu’ ricchi: come le opere culturali vengono ristrutturate da uomini che posso permetterselo, anche i giornali hanno bisogno di investitori come numi tutelari».
«C’è un esecutivo del tutto e del contrario del tutto. Ora – spiega – dovremo decidere se sederci agli Stati generali dell’informazione che propone il governo». (ansa)

Comments are closed.