Filmava la consegna dei contenitori per la raccolta “porta a porta” a Udine

Aggredito il giornalista Giancarlo Virgilio

Il gazebo di Udine nel quale è stato aggredito il giornalista Giancarlo Virgilio (nel riquadro)

UDINE – Il giornalista Giancarlo Virgilio, collaboratore dell’emittente Telefriuli, è stato insultato e aggredito dal responsabile della cooperativa addetta alla consegna dei nuovi contenitori per la raccolta “porta a porta” dei rifiuti solidi urbani ai cittadini di Udine.
Giancarlo Virgilio, nato a Bari il 4 dicembre 1976, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine del Friuli Venezia Giulia dal 27 luglio 2009, ha avuto la sola “colpa” di filmare le operazioni di consegna nel gazebo allestito in via Aurelio Mistruzzi, nella zona di Baldasseria.
«Non appena Virgilio – racconta Telefriuli – si è presentato al responsabile del gazebo per spiegare le motivazioni della sua presenza, il referente gli ha negato il consenso alle riprese, spiegando che per ragioni di privacy non gradiva essere ripreso e che senza il suo assenso non si sarebbe potuta realizzare alcuna immagine».
A nulla sono, però, servite le garanzie del giornalista, il quale ha precisato che avrebbe ripreso «solamente i bidoni, le persone di spalle e i volti di chi avrebbe accettato di farsi intervistare». «Non appena il nostro collega ha iniziato ad effettuare le riprese – denuncia Telefriuli – il referente del servizio di distribuzione gli si è fiondato addosso, spingendolo a più riprese. È riuscito anche a strappargli di mano riuscendo lo smatphone con il quale stava effettuando le riprese. Il telefonino ha continuato a funzionare e ha registrato ogni istante dell’episodio. Per farsi riconsegnare il telefonino, il nostro collega si è visto obbligato a consegnare i suoi documenti personali all’uomo che lo aveva sottratto».
Massima solidarietà al giornalista e all’emittente televisiva è stata espressa dal direttore di Net Massimo Fuccaro e dall’assessore comunale alla sicurezza, Alessandro Ciani, “Ho appena visto – ha dichiarato Ciani – le immagini scioccanti dell’aggressione di cui è stato vittima Giancarlo Virgilio, che ho subito sentito per esprimergli la mia solidarietà per quanto accaduto”.
Dal canto suo Fuccaro, a nome della municipalizzata Net, dopo aver ricordato gli “innumerevoli servizi televisivi” che l’emittente “ha dedicato al sistema di Casa per casa, sempre utili e puntuali”, ha telefonato al giornalista vittima dell’aggressione scusandosi per quanto accaduto  e ringraziandolo “per il servizio che date”. Quindi, ha annunciato l’intenzione di “interrompere ogni rapporto di collaborazione con la cooperativa in questione”. (giornalistitalia.it)

IL VIDEO DELL’AGGRESSIONE

I commenti sono chiusi