Sfogata anche sulla troupe di TeleNorba la rabbia dei parenti della donna uccisa ad Ostuni

Aggredita e minacciata la giornalista Anna De Feo

Anna De Feo

OSTUNI (Brindisi) – Una cena nella campagna di Ostuni, in provincia di Brindisi, finisce in tragedia perché un uomo estrae una pistola, regolarmente detenuta, gli parte un colpo, si ferisce la mano ed uccide la moglie. Brutto episodio. Ma non meno brutto è che familiari ed amici del presunto assassino e della vittima abbiano sfogato la propria rabbia contro i giornalisti.
Dapprima – come abbiamo già riportato – hanno aggredito in branco, tempestandolo di pugni e calci, un giornalista di 67 anni, Marcello Orlandini, già cronista di Quotidiano, ora direttore del giornale on line BrindisiReport.it, che si era recato sul posto per documentare l’episodio, e che si era qualificato come giornalista. È accaduto nella notte fra il 9 ed il 10 gennaio, e solo l’intervento di agenzia di Polizia ha impedito che l’aggressione avesse conseguenze ancora più gravi.
Poche ore più tardi anche una troupe di TeleNorba è stata pesantemente minacciata da tre persone (una delle quali sarebbe il padre della vittima): la giornalista Anna De Feo, 56 anni, consigliere-tesoriere dell’Ordine dei Giornalisti di Bari e dirigente dell’Assostampa di Puglia, e l’operatore Orazio Corbacio.
Al lavoro nella stradina antistante la villetta dove è avvenuto il tragico episodio,  i due sono stati raggiunti da tre persone che hanno intimato loro di andar via. Alla giornalista uno dei tre ha messo le mani addosso, gridando che doveva andarsene e aggiungendo: “Se non te ne vai, fai la fine di quello di ieri” (Orlandini), mentre all’operatore uno dei tre ha gridato: “Se non te ne vai, ti apro in due”.
Giornalista e operatore si sono allontanati, hanno chiesto l’intervento della Polizia e solo sotto scorta degli agenti hanno potuto, sempre per strada, proseguire il loro lavoro.
Ad Anna De Feo, Orazio Corbacio ed a tutti i colleghi di TeleNorba la massima solidarietà dal Direttore e dalla Redazione di Giornalisti Italia. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Calci e pugni al giornalista Marcello Orlandini

 

Un commento

  1. Vincenzo D'Acquaviva

    L’attività di giornalista e di informatore è sempre nell’occhio dei malviventi in genere. Tutta la mia solidarietà ai colleghi e alle colleghe in prima linea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *