L’intermediario Melvin Theuma punta l’indice contro l’ex ministro maltese Chris Cardona

“350mila euro per uccidere Daphne Caruana Galizia”

Daphne Caruana Galizia e, a destra, la sua auto dopo l’esplosione dell’autobomba

LA VALLETTA (Malta) – L’ex ministro dell’economia maltese Chris Cardona avrebbe pagato 350mila euro al sicario che uccise la giornalista Daphne Caruana Galizia. Lo ha riferito ai giudici del tribunale Melvin Theuma, che nella vicenda ha avuto un ruolo di intermediario ed ha patteggiato la grazia in cambio della sua testimonianza.

Chris Cardona

Secondo quanto affermato da Theuma, la cifra pagata da Cardona al sicario era “superiore” a quella che il killer aveva ricevuto per l’omicidio dall’imprenditore Yorgen Fenech, accusato di complicità nell’uccisione della giornalista.
Caruana Galizia, giornalista investigativa che si occupava della corruzione negli ambienti politici maltesi, venne uccisa con un’autobomba davanti alla sua abitazione nell’ottobre del 2017. All’epoca del suo omicidio, la giornalista era stata querelata da Cardona per aver scritto che il politico aveva visitato una casa di appuntamenti in Germania, mentre era in visita ufficiale.
Come esecutori dell’uccisione della giornalista sono state accusate tre persone, mentre Fenech è accusato di essere il mandate dell’omicidio. L’ex ministro Cardona ha definito le affermazioni di Theuma “senza senso” e “fondate sulla menzogna”. Dopo essersi dimesso dall’incarico parlamentare, Cardona ha mantenuto quello di vice leader del Partito laburista. (adnkronos/dpa)

I commenti sono chiusi