Denis Verdini

Denis Verdini

FIRENZE – Il pm Luca Turco ha chiesto di condannare a 3 anni Denis Verdini nel processo per bancarotta fraudolenta della Società Toscana di Edizioni che dal 1998 al 2014, anno del fallimento, ha pubblicato Il Giornale della Toscana, quotidiano venduto assieme a Il Giornale.
Il pm Turco ha chiesto condanne anche per altri amministratori imputati: 2 anni e 6 mesi per Pierluigi Picerno, ad dal 2007 al 2012 poi liquidatore; 2 anni per Massimo Parisi, nel cda della Ste dal 1998 al 2008, passato da Fi in Ala con Verdini; Girolamo Strozzi Majorca Renzi, presidente dal 15 aprile 1998 al 29 ottobre 2012; Enrico Luca Biagiotti nel cda di Ste dal 2002 al 2012.
“La Ste – ha detto il pm Turco – è stata costituita per un fine nobile, arricchire il pluralismo dell’informazione locale”, ma “la storia è stata diversa” e “vede arricchirsi due persone, Verdini e Parisi”. Riguardo all’esame di Verdini in aula, per Turco “è stato fumoso sulle ragioni economiche delle operazioni” distrattive di cui è accusato.
Per l’accusa, la bancarotta si sarebbe concretizzata nella distrazione di 2,6 mln di euro quando la Ste era già in piena difficoltà economica, un colpo ritenuto decisivo in quella fase per a tenuta economica della società. Soldi che per il pm Luca Turco sono andati in parti uguali, a inizio 2005, a Verdini e a Parisi – 1,3 mln euro a testa – nell’ambito di un’operazione per cui la Ste avrebbe dovuto acquistare dagli stessi Verdini e Parisi quote di un’altra società, la Nuova Toscana Editrice srl, che aveva soli 62.000 euro di capitale sociale e che a sua volta era in netta perdita. Secondo il pm Luca Turco, Verdini avrebbe agito come “dominus del gruppo”, “assumendo tutte le decisioni strategiche” e finanziarie.
“Verdini – ha aggiunto il pm Luca Turco – ha detto in aula di aver finanziato a lungo la società Ste, ma è anche vero che riceveva montagne di denaro dalle società editoriali”, nonostante questo c’è stata comunque la bancarotta e la società editoriale che pubblicava Il Giornale della Toscana è fallita. Il processo è proseguito con le arringhe dei difensori.
L’avvocato difensore di Denis Verdini, professor Franco Coppi, ha chiesto l’assoluzione per il suo assistito, imputato a Firenze nel processo per bancarotta fraudolenta della Società toscana di Edizioni che dal 1998 al 2014, anno del fallimento, ha pubblicato Il Giornale della Toscana. Nella sua arringa Coppi ha sostenuto la non punibilità di Verdini poiché il presunto depauperamento della Ste, sostenuto dall’accusa, sarebbe avvenuto dieci anni prima della dichiarazione di fallimento e comunque sarebbe stato seguito da un atto riparatorio con cui lo stesso Verdini avrebbe compensato i debiti.
Il processo non si è concluso e la prossima udienza si terrà il 14 giugno con il proseguimento delle arringhe delle altre difese ed eventuali repliche dopodiché è prevista la camera di consiglio per la sentenza.
“Io a questo giornale ho solo dato, ho versato soldi, dall’inizio alla fine per tenerlo in vita”, ha commentato Denis Verdini. “Dispiace – ha sottolineato – che alla fine sia arrivato comunque al fallimento nonostante lo sforzo” e “alla fine siamo arrivati comunque al fallimento perché sono stati sospesi i contributi pubblici”.  (ansa)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *