Pronta la cassa integrazione per 210 lavoratori grafici e poligrafici. Solidarietà dei Cdr

Il Sole 24 Ore oggi non è in edicola: sciopero

il-sole-24-oreMILANO – Oggi il Sole 24 Ore non è in edicola per uno sciopero proclamato dalle rappresentanze sindacali di grafici e poligrafici per la decisione dell’azienda di aprire unilateralmente la cassa integrazione straordinaria per

leggi...
L’Associazione Stampa Umbra denuncia l’inaccettabile situazione lavorativa

Trg: dai licenziamenti all’abusivismo nel Tg

Tele Radio GubbioGUBBIO (Perugia) – “Dai licenziamenti all’esercizio abusivo della professione giornalistica”. L’Associazione Stampa Umbra non usa mezzi termini per denunciare la “situazione inaccettabile” di Tele Radio Gubbio che, “dopo aver mandato a casa la metà della redazione, utilizza personale amministrativo nella realizzazione di servizi televisivi e nella conduzione del Tg”.
Nel chiedere all’azienda di tornare al tavolo delle trattative, il sindacato dei giornalisti umbri, presieduto da Marta Cicci, stigmatizza “l’uso improprio di personale

leggi...
Dopo il licenziamento di 14 poligrafici, i giornalisti temono carichi di lavoro impossibili

Il Mattino in sciopero, domani non esce

Il Mattino di NapoliNAPOLI – I giornalisti del quotidiano Il Mattino di Napoli sono in sciopero, fino alle ore 9 di domani, domenica 18 giugno, a seguito del licenziamento di quattro poligrafici che vanno, così, ad aggiungersi agli altri dieci lavoratori già mandati a casa dal Gruppo Caltagirone nel corso dell’ultimo anno.
“Saranno inevitabili – afferma, infatti, il Comitato di redazione – anche le ripercussioni sul lavoro della redazione, già oberata da carichi ormai difficilmente sostenibili e che sta affrontando un doloroso percorso di ammortizzatori sociali dal marzo del 2015”.
Nel proclamare la giornata di sciopero che

leggi...
Il Cdr: “Debiti non saldati, niente stipendi, no alla mediazione sindacale”

L’Unità: “Ostaggi di un’azienda che non paga”

unitàROMA – «Siamo ostaggi. Non c’è altro modo per definire la assurda e drammatica condizione in cui versano da settimane i lavoratori de l’Unità. Ostaggi di una azienda che ha di fatto sospeso le pubblicazioni, non avendo provveduto a saldare i debiti con lo stampatore che ha fermato le rotative, ma che non ne dà comunicazione ufficiale chiedendo l’attivazione della cassintegrazione». Lo sottolinea il Cdr dell’Unità in una nota.
I giornalisti si dicono ostaggi anche «di una proprietà che non paga gli stipendi ma non provvede a garantire gli ammortizzatori sociali e rifiuta qualsiasi tentativo di mediazione sindacale esperito al tavolo con la Federazione Nazionale della Stampa e Stampa Romana. Ostaggi di un azionista di maggioranza – prosegue la nota – la Piesse di Guido Stefanelli e Massimo Pessina, che rifiuta qualsiasi confronto per uscire da una situazione kafkiana che loro stessi hanno creato avendo

leggi...
Il tesoriere: “Le scelte operative non spettano a noi, ma alla società che ha l’80%”

L’Unità, Bonifazi: “Il proprietario non è il Pd”

Bonifazi

Francesco Bonifazi

ROMA – «È proprio così, “l’Unità” è di un privato che la detiene con una schiacciante maggioranza, pari all’80% del capitale sociale, contando peraltro nella totale rappresentanza nel Cda. Ciò significa che tutte le scelte operative spettano alla proprietà, che non è il Partito Democratico». Lo afferma Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito democratico.
«Ciò detto, è da più di un anno che chiediamo in tutte le sedi, formali e non, di porre in essere

leggi...
Coordinamento del Gruppo Caltagirone al fianco dei colleghi “scomodi”

Servizi Italia, cancellati 19 posti di lavoro

868ROMA – Il Coordinamento dei Comitati di redazione delle testate del Gruppo Caltagirone esprime vicinanza e solidarietà ai lavoratori di Servizi Italia che lo scorso primo giugno sono stati licenziati al termine della trattativa avviata a seguito dell’annuncio di 19 esuberi dichiarato dall’azienda ad aprile.
«Il risultato drammatico – spiegano i Cdr  – non è solo la perdita, dolorosissima, di 19 posti di lavoro, fra cui quello di un disabile, ma anche la dispersione di un patrimonio

leggi...
Archiviato il procedimento disciplinare nei confronti del redattore del quotidiano

La Città revoca la sospensione di Scapaticci

Enrico Scapaticci

Enrico Scapaticci

SALERNO – Archiviato dalla società Edizioni Salernitane srl il procedimento disciplinare aperto il 1° giugno scorso nei confronti del giornalista Enrico Scapaticci, redattore del quotidiano La Città di Salerno e componente del

leggi...
Surreale incontro in sede Fnsi con Stefanelli che lascia il tavolo senza dare risposte

l’Unità nel caos, lo sciopero continua

l’UnitàROMA – Surreale incontro, a Roma nella sala “Walter Tobagi” della Fnsi, in Corso Vittorio Emanuele II, tra la Federazione Nazionale della Stampa Italiana con una delegazione guidata dal segretario generale Raffaele Lorusso, l’Associazione Stampa Romana, il Comitato di redazione del quotidiano l’Unità ed i rappresentanti della società editrice.
A fronte di una proposta di buonsenso avanzata al tavolo dalla Fnsi, volta a tutelare i diritti dei lavoratori, garantire il futuro dell’azienda e chiudere in maniera condivisa una trattativa difficile e complessa, i rappresentanti dell’Unità Srl, a partire dall’amministratore delegato

leggi...
Il 28 giugno i soci deliberano su bilanci e remunerazioni. I Cdr bacchettano Boccia

Il Sole 24 Ore, nubi in vista dell’Assemblea

il-sole-24-oreMILANO – Aria di tempesta al Gruppo Il Sole 24 Ore spa in vista dell’Assemblea ordinaria e straordinaria che il presidente Giorgio Fossa ha convocato per il prossimo 28 giugno alle ore 10.30 nella sede milanese di via Monte

leggi...
Interrotte oggi le pubblicazioni nella totale indifferenza e nel silenzio del Pd e di Renzi

l’Unità, addio amaro: “Così si calpesta una storia”

l’unitàROMA – “Ci sono storie che non dovrebbero finire, per la storia che hanno raccontato e testimoniato, per quella che hanno cercato di capire, per chi ci ha creduto, per chi ci ha messo passione, professionalità e attaccamento. Questa storia, la nostra, hanno deciso di chiuderla nel modo peggiore, calpestando diritti, calpestando lo stesso nome che porta questa testata, ciò che ha rappresentato e ciò che avrebbe potuto rappresentare”.
Si apre così l’editoriale di oggi de l’Unità, firmato dall’assemblea delle redattrici e dei redattori da oggi in sciopero dopo la comunicazione dell’amministratore delegato di sospendere le pubblicazioni del quotidiano fondato da Antonio Gramsci.
L’editore ha, infatti, comunicato, con una lettera spedita alle ore

leggi...
design   emme21