I dati della ricerca Audipress sulla lettura di quotidiani e periodici su carta e digitale

Ogni mese 8 italiani su 10 scelgono la stampa

Audipress 2017 quotidianiROMA – La ricerca Audipress, che dal gennaio 2017 rileva la lettura di quotidiani e periodici mediante un’indagine single source, conferma la capacità della stampa di conservare importanti volumi di contatto, in un mercato

leggi...
Redazioni al Nord, minacce al Sud. Ricavi e redditi a picco. Futuro: on line di qualità

Perché il giornalismo è sempre più precario

piramide del redditoROMA – Il “netto scivolamento della professione giornalistica verso la precarizzazione”, conseguenza della pesante crisi che ha colpito i giornali quotidiani e periodici, è al centro della Relazione Annuale  2017 dell’Autorità

leggi...
2,4 miliardi raccolti nel 2016 dal web che si conferma secondo canale in Italia

Pubblicità: domina la tv, incalzata da internet

Andrea Lamperti

Andrea Lamperti

MILANO – Il mercato della pubblicità sta cambiando pelle, avanzano i video on line mentre la stampa continua a calare. L’Internet advertising si attesta come il secondo canale pubblicitario in Italia con un 30% di share nel 2016 (29% nel 2015), in pieno inseguimento della Televisione che si mantiene salda al 50%. Positive anche le stime per il 2017: la pubblicità on line crescerà ancora con un tasso intorno al 10%, superando così i 2,6 miliardi di euro. «Il canale digitale ha raccolto 2,4 miliardi di pubblicità nel 2016 e conferma la sua crescita. Saperlo misurare per le aziende significa tarare bene gli investimenti», spiega all’Adnkronos Andrea Lamperti, Direttore dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano.
«Bisogna capire quanto il canale digitale impatta sulla pubblicità delle aziende, quindi vanno misurati i dati per spingere al meglio la spesa», osserva l’esperto dell’Osservatorio del PoliMi.
«Pensiamo alla crescita dei social media, – evidenzia – soprattutto dei video che nel 2016 hanno superato di molto i 500

leggi...
Via al super–campione da 16.100 famiglie, un primato internazionale

L’Auditel vola con il Superpanel

Tv: Auditel, stop 15 giorni a diffusione dati ascoltiROMA – Triplica il campione che misura gli ascolti televisivi. Lo annuncia Auditel, spiegando che il cda ha appena dato il via al “superpanel” selezionando e installando altre 10.400 nuove famiglie dotate di set meter, già in grado di produrre i dati di ascolto.
L’operazione – che non ha precedenti a livello internazionale – porta alla creazione di un super-campione costituito da 16.100 famiglie (circa 41.000 individui).
La pubblicazione dei nuovi dati è

leggi...
Nel 1° giorno al voto 1399 giornalisti su 21861. In testa la Puglia, in coda la Lombardia

Elezioni Casagit: alle ore 18 ha votato il 6,4%

casagitROMA – È del 6,4% la percentuale dei votanti dopo la prima rilevazione effettuata nel primo giorno di voto per l’elezione degli 80 delegati all’Assemblea Nazionale della Casagit, la Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani, e delle 20 Consulte regionali. Dalle ore 9 alle ore 18 hanno, infatti, votato 1399 giornalisti dei 21861 aventi diritto al voto.
La più alta affluenza l’ha fatta registrare la regione Puglia con il 19,68% seguita dalla Basilicata 16% e dalla Sardegna 15,59%. Oltre il 10% soltanto altre tre regioni: Abruzzo 11,98%, Marche 10,93% e Sicilia 10,30. Fanalino di coda la

leggi...
Data Stampa ha analizzato gli aspetti di interscambio per l’hastag ufficiale

Il Festival del Giornalismo su Twitter #ijf17

Data MediaROMA – Archiviata l’undicesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo 2017, la manifestazione che per 5 giorni (dal 5 al 9 aprile) a Perugia ha tenuto incollati alle sedie e agli smartphone, giornalisti, editori e tutti coloro che sono interessati al mondo dei media.
Lo staff Web e Social della Data Stampa, azienda specializzata nel monitoraggio dei media, tramite la piattaforma proprietaria Picoweb, ha analizzato agli aspetti di interscambio su Twitter per l’hashtag ufficiale #ijf17.
Il totale dei tweet in lingua italiana che hanno utilizzato l’hashtag ufficiale sono stati oltre 13.900, in lingua inglese oltre

leggi...
“Nelle prossime ore sicuramente repliche di intensità difficilmente prevedibile”

Terremoto, il Cnr: “Contagio sismico, proseguirà”

Nella zona di Montereale l'epicentro del terremoto di magnitudo 5,3 avvenuto oggi fra L'Aquila e Rieti, secondo i dati dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv)

Nella zona di Montereale l’epicentro del terremoto di magnitudo 5,3 avvenuto oggi fra L’Aquila e Rieti, secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv)

ROMA – Nel tam tam di notizie, numeri, dati che si rincorrono ad ogni nuova scossa di terremoto, riteniamo doveroso dare la parola a chi di sisma se ne intende. Rilanciamo, dunque, il commento di Andra Billi dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr (Igag-Cnr) sugli eventi sismici verificatisi questa mattina,

leggi...
Tre esperti puntano il dito contro i mass media e provano a rassicurare la popolazione

Meningite: per l’Iss l’epidemia è solo mediatica

epicentroROMA – “L’epidemia di meningite c’è, ma non è di origine batterica: è un fenomeno mediatico”. Tre esperti dell’Istituto Superiore di Sanità, Fortunato D’Ancona, Maria Grazia Caporali e Paola Stefanelli, affidano al sito dell’Iss Epicentro una riflessione su quanto sta accadendo in questi giorni, puntando il dito contro i mass media e provando a rassicurare la popolazione.
“L’effetto mediatico del moltiplicarsi di notizie allarmistiche – sostengono – ha generato preoccupazione tra la popolazione generale che si chiede se nel nostro Paese è in atto, o meno, un’epidemia di meningite”.
“In questi giorni – scrivono – molti servizi vaccinali delle Asl

leggi...
Annuario Istat: 1 su 5 non legge, non balla e diserta musei, mostre, cinema, concerti

Il 54,7% degli italiani non apre mai un giornale

lettori-giornaliROMA – Quasi un italiano su cinque, praticamente il 18,6% della popolazione, non sfoglia un giornale nemmeno una volta alla settimana e in un intero anno, nel 2016, non ha aperto un libro. Non solo, non si è recato al cinema

leggi...
Philippe Leruth (Ifj): “Meno morti rispetto al 2015, ma il livello è sempre preoccupante”

Nel 2016 uccisi nel mondo almeno 93 giornalisti

Philippe Leruth

Philippe Leruth

IfjBRUXELLES (Belgio) – Novantatrè giornalisti e operatori dei media sono rimati uccisi quest’anno per motivi legati al loro lavoro. Lo riferisce l’Ifj, la Federazione Internazionale dei Giornalisti che ha aggiornato i dati al 29 dicembre. Giornalisti e operatori sono stati uccisi in attacchi mirati, nel corso di bombardamenti o sparatorie. Se si aggiungono i 29 deceduti in due disastri aerei, uno in Colombia e l’altro in Russia, sale a 122 il totale delle vittime.
Il maggior numero di vittime è stato registrato nel mondo arabo e in

leggi...
design   emme21