Allettante offerta di “lavoro” solo per firmare il giornale di annunci di Fermo, ma...

Cercasi giornalista: 2000 euro netti al mese

Il MercatoneFERMO – Pochi euro ad articolo, precarietà perenne e ormai insormontabile, licenziamenti, quando va bene contratti di solidarietà, stage non retribuiti. Amici giornalisti, c’è una luce in fondo al tunnel e si chiama Il Mercatone Annunci di Fermo. Il giornale marchigiano, come segnalato dal quotidiano La Verità, cerca un direttore responsabile con stipendio da 2000 euro netti al mese. Mansioni? Nessuna. Zero. Nada de nada. Solo firmare la testata come da obbligo di legge.
Quanto può fatturare un giornale locale di annunci per potersi permettere una cosa del genere? Il giornalista de La Verità non riusciva a capire e, visitando il sito ufficiale del Mercatone di

leggi...
Nuova offerta cartacea di contenuti di pregio e innovativa piattaforma web

Il Sole 24 Ore: il Piano industriale del rilancio

Il Sole 24 OreMILANO – Il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore, riunitosi sotto la presidenza di Giorgio Fossa, ha approvato il Piano Industriale 2017-2010 e rinviato ad una successiva seduta l’eventuale aumento di capitale. I

leggi...
Aveva 53 anni di cui 34 vissuti nella redazione del “Corriere”. Oggi funerali a Cerano

Addio Paolo Viviani, storico cronista di Novara

Paolo Viviani

Paolo Viviani

NOVARA – All’età di 53 anni è morto Paolo Viviani, storico cronista del Corriere di Novara. Dall’agosto scorso combatteva contro la brutta malattia che l’aveva costretto ad un intervento chirurgico ed alla chemioterapia, ma nonostante le sofferenze non aveva mai smesso di lavorare.
Nato il 14 marzo 1963, Paolo era giornalista professionista iscritto all’Ordine del Piemonte dal 7 febbraio 1996. Al Corriere di Novara aveva cominciato a lavorare giovanissimo conquistando sul campo la stima dei colleghi e dei lettori con i quali ha voluto condividere su Facebook il “diario di bordo” della sua malattia. “Diario – ricorda il suo giornale –  iniziato lo scorso 13 agosto (le avvisaglie della malattia erano

leggi...
Lunedì a Milano seconda giornata di sciopero e presidio davanti alla sede dell’azienda

Condé Nast, un licenziamento inaccettabile

Condé NastMILANO – Presidio di solidarietà contro il licenziamento di una giornalista della Condé Nast che aveva ottenuto dal giudice il riconoscimento del ruolo di caporedattore nella causa per demansionamento. Lunedì 13 febbraio, dalle ore 11.30 in piazza Cadorna a Milano, la manifestazione di protesta davanti all’ingresso della casa editrice avrà luogo  in concomitanza con la seconda giornata di sciopero proclamata dal Comitato di redazione e dall’assemblea dei redattori.
Il licenziamento è stato notificato il 7 febbraio, al termine di una serie di tentativi fatti all’interno (e anche fuori) del tavolo sindacale aperto con l’azienda nel dicembre scorso quando, come pubblicato da Giornalisti Italia, Condé Nast aveva avviato la procedura nei confronti della giornalista.
La protesta è motivata dal fatto che i

leggi...
In occasione del fascicolo numero 4000. Bergoglio: “Siate lavoratori, non intellettuali”

La Civiltà Cattolica incontra Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco con i giornalisti e gli scrittori della Civiltà Cattolica

CITTA’ DEL VATICANO (Vaticano) – Non “intellettuali”, ma “lavoratori”. È l’identikit dei gesuiti tracciato dal Papa durante l’udienza concessa oggi alla comunità de “La Civiltà Cattolica”.

leggi...
Il rischio è che finiscano sotto il controllo di una società in concordato preventivo

Corriere di Novara ed Eco di Biella in quali mani?

Corriere di Novara Eco di BiellaNOVARA – L’Associazione Stampa Subalpina è vicina ai lavoratori del Corriere di Novara e dell’Eco di Biella che, con gesto coraggioso, hanno espresso in una lettera la propria preoccupazione per le trattative in corso per la cessione delle due testate a DMedia Group, società controllata da Dmail.
Nel documento, giornalisti e tecnici esplicitano il loro timore per il rischio che le due storiche testate possano finire sotto il controllo di una società che si trova al momento in concordato preventivo: «Per queste ragioni – sottolineano i lavoratori – sarebbe meglio che l’eventuale cessione avvenisse al

leggi...
Dopo 11 anni il giudice mette fine al contenzioso ai danni di Marilù Mastrogiovanni

Niente diffamazione: cronista ha detto la verità

Marilù Mastrogiovanni

Marilù Mastrogiovanni

LECCE – Marilù Mastrogiovanni, autrice dell’articolo “Pagliaro. L’impero virtuale”, pubblicato il 1 dicembre 2005 sul mensile Il Tacco d’Italia, ha scritto la verità. Lo ha sancito la Seconda Sezione Civile del Tribunale di Lecce rigettando la citazione in giudizio della giornalista per diffamazione, da parte della “Comunicazioni e Servizi srl”, e la riconvenzionale nei confronti dell’editore Paolo Pagliaro, legale rappresentante di Tele Rama e Radio Rama.
Dopo 11 anni di contenzioso civile il Tribunale di Lecce ha messo, dunque, la parola fine alla vicenda per la quale, negli anni scorsi, è stata archiviata anche la causa penale.
Paolo Pagliaro, ritenendosi diffamato, aveva infatti citato in giudizio Marilù Mastrogiovanni, direttore responsabile de “Il

leggi...
Il Consiglio regionale della Calabria punta sulla trasparenza e le selezioni pubbliche

“L’informazione rafforza il senso di comunità”

Nicola Irto

Nicola Irto

Giuseppe Neri

Giuseppe Neri

REGGIO CALABRIA – “Il Consiglio regionale vuole tornare ad essere, in tutte le sue espressioni, il luogo centrale del rapporto con i calabresi”. Lo afferma il segretario-questore dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Neri, ricordando che “l’informazione e la comunicazione costituiscono, in questo senso, gli strumenti, previsti statutariamente e disciplinati da

leggi...
“Giornalisti Italia” al fianco dei colleghi del settimanale della Svizzera italiana

Il Caffè, giornalisti a processo per una notizia vera

il-caffeLOCARNO (Svizzera) – Giornalisti a processo per “diffamazione e concorrenza sleale”, non perché vengano loro contestati errori o imprecisioni, ma semplicemente perché “si rimprovera… la pubblicazione stessa; cioè di aver condotto un’inchiesta giornalistica pubblicando, con assiduità, servizi sul tragico errore medico avvenuto nel 2014, ovvero l’asportazione dei seni ad una paziente per uno scambio di identità”.
Il procuratore pubblico ha, infatti, deciso di processare quattro giornalisti del settimanale svizzero in lingua italiana “Il Caffè” su denuncia della Clinica Sant’Anna di Sorengo (appartenente al Gruppo Genolier, uno dei maggiori privati nel settore sanitario) per una vicenda

leggi...
Redattore della Gazzetta d’Asti era anche impegnato nell’attività politico-sociale

Addio al giornalista Uberto Ghia, 47 anni

Uberto Ghia

Uberto Ghia

ASTI – Giornalismo piemontese in lutto per la prematura scomparsa del giornalista Uberto Ghia, per gli amici “Ubi”, redattore del settimanale Gazzetta d’Asti nei servizi cultura, attualità politica, sport e sociale. Il prossimo 24 gennaio avrebbe compiuto 48 anni.
Nato il 24 gennaio 1969, era laureato in Scienze Politiche all’Università di Torino e all’attività giornalistica associava l’impegno

leggi...
design   emme21