Firmato un accordo con Fondazione Cotec e Censis sui temi del Made in Italy

Agi scommette sulla cultura dell’innovazione

Claudio Roveda, Riccardo Luna e Giorgio De Rita firmano l’accordo

Claudio Roveda (Cotec), Riccardo Luna (Agi) e Giorgio De Rita (Censis) firmano l’accordo

ROMA – Agi Agenzia Italia e Censis, con il patrocinio e la promozione istituzionale della Fondazione Cotec, realizzeranno nel corso del triennio 2017-2019 una ricerca permanente sui temi dell’innovazione Made in Italy.

leggi...
Fondamentale la proposta di autoriforma approvata all’unanimità dall’Assemblea

Cavallaro (Cisal): “I nuovi compiti del Cnel”

Francesco Cavallaro

Francesco Cavallaro

ROMA  – “Accogliamo con favore e ci impegniamo a sostenere nelle sedi opportune, a partire dalla calendarizzazione al Senato, la proposta di autoriforma approvata all’unanimità dall’Assemblea del Cnel, mirata a restituire al Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro la sua funzione di promozione e sintesi del dialogo tra parti sociali”. Francesco Cavallaro, segretario generale della Cisal e consigliere nazionale Fnsi, commenta così l’iniziativa con cui i consiglieri dell’istituto hanno voluto gettare le basi per il rilancio concreto dell’ente messo in discussione dal referendum del 4 dicembre scorso.
“Particolarmente significative – rileva Cavallaro – le

leggi...
Il direttore generale Mimma Iorio chiarisce i principali aspetti della manovra

Inpgi, ecco cosa cambia dopo la riforma

Mimma Iorio

Mimma Iorio

inpgi

ROMA – L’approvazione della riforma previdenziale dell’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani da parte dei Ministeri Vigilanti (Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e Ministero dell’Economia) ha dato il via libera agli interventi correttivi necessari a garantire la sostenibilità della gestione nel medio-lungo periodo.

leggi...
Dopo il via libera alla riforma sono necessari i decreti della legge sull’editoria

Inpgi, adesso il Governo faccia la sua parte

Raffaele Lorusso

Raffaele Lorusso

ROMA – Il via libera dei ministeri alla manovra di riequilibrio approvata dal cda nel settembre scorso rappresenta un momento di chiarezza sul futuro dell’Inpgi, smentendo i profeti di sventura che si esercitano sulle sorti dell’Istituto. L’auspicio è che il Governo utilizzi la severità con cui ha preteso l’inasprimento delle regole dell’Inpgi, a cominciare dall’età pensionabile, per definire i criteri di accesso delle aziende editoriali agli stati di crisi e agli ammortizzatori sociali.
Non è più pensabile che l’Inpgi venga utilizzato come un bancomat dagli editori, in un quadro generale caratterizzato da un Governo sostanzialmente disinteressato ai problemi del precariato dilagante e del

leggi...
Contributo di solidarietà per 3 anni sulle pensioni per l’equità intergenerazionale

I ministeri vigilanti approvano la riforma Inpgi

inpgiROMA – Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – di concerto col covigilante Ministero dell’Economia – ha comunicato oggi l’avvenuta approvazione della riforma previdenziale varata dal Consiglio di amministrazione dell’Inpgi il 28 settembre 2016.
I Ministeri – condividendone l’impianto complessivo sul piano sostanziale – hanno infatti dato il via libera agli interventi correttivi del regime previdenziale dell’ente, deliberati per garantire la sostenibilità della gestione nel

leggi...
Per la prima volta il patrimonio netto della previdenza pubblica va sotto di 1,7 miliardi

Se l’Inpgi ha paura, l’Inps è disperato

INPSROMA – Nel 2016 il patrimonio netto dell’Inps, per la prima volta dalla nascita dell’ente, va in negativo per 1,7 miliardi.
Lo scrive la Corte dei conti, Sezione del controllo sugli enti, nella relazione sulla gestione finanziaria dell’Istituto nazionale di previdenza sociale per l’esercizio 2015, sulla base delle previsioni assestate 2016, ricordando quanto già annunciato dall’Inps.

leggi...
L’Assostampa incontra la Città metropolitana: “Apriremo un tavolo tecnico”

Messina: “Gli uffici stampa sono una risorsa”

Giuseppe Gulletta

Giuseppe Gulletta

MESSINA – Importante incontro ieri tra la Città metropolitana di Messina e la sezione provinciale dell’Associazione Siciliana della stampa sul tema della convenzione dell’Ufficio Stampa dell’ente con i Comuni del territorio.
Nel corso della riunione, il commissario Filippo Romano ha manifestato la volontà di Palazzo dei Leoni di modificare la convenzione senza, però, svilire il compito istituzionale dell’Amministrazione che ha, nei confronti dell’intero territorio, il dovere di offrire gli essenziali servizi integrati a tutti quei Comuni che necessitano di un supporto tecnico per la comunicazione.
Il segretario provinciale Giuseppe Gulletta ha rappresentato le esigenze del sindacato mettendo in evidenza “la crisi occupazionale che, da otto anni a questa parte, ha investito il settore dell’editoria con la perdita di

leggi...
Il 2016 positivo per i 3 comparti. Castelli: “Buona performance con minore volatilità”

Fondo Giornalisti: rendimenti superiori al 4%

Enrico Castelli

Enrico Castelli

Fondo GiornalistiROMA – Buone notizie per i giornalisti iscritti al Fondo pensione complementare: il 2016 è stato un anno ancora positivo per i tre comparti. Il cambiamento di strategia di investimento – comunica il Fondo Giornalisti – e la scelta di nuovi gestori decisi due anni fa stanno dando i risultati sperati mentre i tre appuntamenti che avevano sollevato nei mercati più di una preoccupazione (Brexit, elezioni americane e referendum in Italia), non hanno avuto il temuto effetto negativo anche se non sono mancati momenti di tensione.

leggi...
La Cisal su Cgil, Cisl, Uil: “Si faccia chiarezza su rappresentanza e rappresentatività”

Cavallaro: “Più iscritti al sindacato che italiani”

Francesco Cavallaro, segretario generale della Cisal

Francesco Cavallaro, segretario generale della Cisal e consigliere nazionale Fnsi

SALERNO – “Sommando il numero degli iscritti, si scopre che in Italia ci sono più iscritti al sindacato che italiani”. Con una battuta fulminante, ma significativa, il segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro, che è anche

leggi...
Francesco Cavallaro suona la carica al Consiglio nazionale del sindacato autonomo

Cisal, è l’ora delle “libertà responsabili”

Il segretario generale della Cisal, Franco Cavallaro (giornalista consigliere nazionale Fnsi)

Il segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro (giornalista consigliere nazionale Fnsi)

SALERNO – È l’affermazione delle “libertà responsabili” la nuova sfida della Cisal che, da Salerno, suona la carica ai lavoratori stanchi delle finte tutele perché, più che mai, bisognosi di difensori dei diritti e degli interessi di chi

leggi...
design   emme21