Prigioniero in Uzbekistan dal ‘99 era il giornalista in carcere da più tempo al mondo

Libero il giornalista Muhammad Bekzhanov

Muhammad Bekzhanov

Muhammad Bekzhanov

TASHKENT (Uzbekistan) – Dall’Uzbekistan ecco la notizia che aspettavamo dalla fine del secolo scorso: Muhammad Bekzhanov non è più il giornalista in carcere da più tempo al mondo.
Bekzhanov era in prigione dal luglio 1999, con la falsa accusa di aver collaborato all’organizzazione di una serie di attentati orditi dall’esilio dal capo del partito di opposizione Erk. Bekzhanov era il capo redattore del quotidiano del partito.
In un mese di interrogatori in isolamento e sotto tortura, mediante pestaggi, soffocamenti e uso della corrente elettrica, gli inquirenti lo convinsero a rilasciare una “confessione” che gli costò una

leggi...
Milo Yiannopoulos del Breitbart News, incendiario esponente “pop” del trumpismo

Bufera sul giornalista che difende la pedofilia

Milo Yiannopoulos

Milo Yiannopoulos

Donald Trump

Donald Trump

WASHINGTON (Usa) – Bufera su Milo Yiannopoulos, incendiario esponente “pop” del trumpismo e una delle penne di spicco del sito di ultra-destra Breitbart News. La Conferenza per l’Azione Politica Conservatrice (Cpac), a cui interverrà venerdì il presidente americano, Donald Trump, ha ritirato l’invito al giornalista greco-

leggi...
La Germania protesta per Il fermo di polizia del corrispondente del Die Welt

La Turchia tiene in galera Deniz Yücel

Deniz Yücel

Deniz Yücel

BERLINO (Germania) – Non si sblocca il caso di Deniz Yucel. Il fermo di polizia del corrispondente dalla Turchia del Die Welt – che viene sospettato di essere una sorta di fiancheggiatore di organizzazioni terroristiche – è stato prolungato di una settimana, come scrive il giornale tedesco, senza che l’uomo sia ancora stato sentito da un giudice. Sono stati i legali del reporter, che ha sia la cittadinanza tedesca che quella turca, a informare il quotidiano amburghese circa l’allungamento del fermo: una disposizione resa possibile dallo stato d’emergenza proclamato dopo il tentato golpe del 15 luglio.
L’arresto di Yucel, martedì scorso a Istanbul, ha provocato un’onda di proteste e di indignazione in

leggi...
VERGOGNA TURCA – Erdogan sbatte in galera il corrispondente del giornale Die Welt

Turchia: arrestato il giornalista Deniz Yücel

Deniz Yücel

Deniz Yücel

ISTANBUL (Turchia) – Il ministero degli Esteri tedesco ha emesso un comunicato relativo lo stato di detenzione in cui si trova il corrispondente del giornale Die Welt, Deniz Yucel. Il giornalista, in possesso di passaporto sia turco

leggi...
La nuova inchiesta della Procura di Roma sulla gestione del testimone Gelle

Omicidio Ilaria Alpi, sulla strada della verità

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, assassinati a Mogadiscio il 20 marzo 1994

ROMA – C’è una nuova inchiesta della Procura di Roma legata all’omicidio della giornalista Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, assassinati in circostanze mai chiarite il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio. Si tratta di

leggi...
Luis Manuel Medina e Leo Martinez assassinati durante il loro programma in radio

Due giornalisti uccisi in diretta su Facebook

SANTO DOMINGO (Repubblica Dominicana) – Omicidio in diretta Facebook nella Repubblica Dominicana. Due giornalisti radiofonici sono stati uccisi da uomini armati durante il loro programma di news che veniva trasmesso

leggi...
Lo ha scritto lui stesso su Facebook, ma non è chiaro se sia stato pagato un riscatto

Libia: liberato il giornalista Ali Mohammed Salem

LIBYA-CONFLICT-KADHAFI-1YEAR-BENGHAZITRIPOLI (Libia) – Il giornalista libico Ali Mohammed Salem è stato liberato ieri sera dai suoi rapitori. Lo riporta l’Agenzia Nova. Secondo quanto ha scritto lo stesso giornalista sul suo profilo Facebook, la liberazione è avvenuta dopo settimane di detenzione da parte di una milizia

leggi...
Si sono detti contrari alla riforma costituzionale sul presidenzialismo in Turchia

Erdogan colpisce ancora: licenziati 2 giornalisti

Recep Tayip Erdogan

Recep Tayip Erdogan

ISTANBUL (Turchia) – Il quotidiano turco Posta e l’emittente Kanal D, media appartenenti al gruppo Dogan, hanno annunciato il licenziamento di due giornalisti che avevano precedentemente espresso la propria contrarietà al

leggi...
La celebre rivista fa marcia indietro: “La decisione di rimuoverlo è stata un errore”

Playboy torna alle origini: “Il nudo è normale”

La copertina di Playboy che torna al nudo

La copertina di Playboy che torna al nudo

NEW YORK (Usa) – Lo avevano annunciato un anno fa: “Basta con i nudi”. Allora, per Playboy, tra le riviste per adulti più famose al mondo, si era inaugurata una nuova era. Che a distanza di 12 mesi, però, sembra già tramontata.

leggi...
Scattata il 19 dicembre scorso dal fotoreporter dell’Associated Press, Burhan Ozbilici

Dell’assassinio in Turchia la miglior foto dell’anno

19 dicembre 2016: Mevlüt Mert Altintas ha appena ucciso l’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov (Foto Burhan Ozbilici/Associated Press)

19 dicembre 2016: Mevlüt Mert Altintas ha appena ucciso l’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov (Foto Burhan Ozbilici/Associated Press)

ROMA – “An Assassination in Turkey”, ossia “Un assassinio in Turchia”. È questo il titolo della foto vincitrice del “World Press Photo of the year”, il concorso di fotogiornalismo più prestigioso al mondo, “organizzato dall’omonima fondazione no-profit olandese, che ogni anno premia l’immagine che “non è solo la sintesi fotogiornalistica dell’anno, ma rappresenta un problema, situazione o evento di grande importanza giornalistica, e fa questo in un modo che dimostra un eccezionale livello di percezione visiva e creatività”.
A scattarla il fotoreporter turco Burhan Ozbilici di Associated Press, che il 19 dicembre scorso ha assistito in diretta all’assassinio dell’ambasciatore russo Andrey Karlov, raggiunto da colpi d’arma da fuoco mentre era impegnato in un discorso a una mostra ad Ankara, in

leggi...
design   emme21