Frutto dell’accordo tra Cnr e Cini, coordinerà l’eccellenza nazionale nel settore

Cybersecurity: nasce il Comitato per la ricerca

CybersecurityROMA – Le economie dei Paesi poggiano sempre più sul cyberspace e i programmi di trasformazione digitale come Industria 4.0, irrinunciabili, non faranno che aumentare questo legame. Il cyberspace è la realtà più complessa e articolata che l’uomo abbia mai concepito: l’unione di reti, dati e stratificazioni di software che interconnettono uomini,

leggi...
Milo Yiannopoulos del Breitbart News, incendiario esponente “pop” del trumpismo

Bufera sul giornalista che difende la pedofilia

Milo Yiannopoulos

Milo Yiannopoulos

Donald Trump

Donald Trump

WASHINGTON (Usa) – Bufera su Milo Yiannopoulos, incendiario esponente “pop” del trumpismo e una delle penne di spicco del sito di ultra-destra Breitbart News. La Conferenza per l’Azione Politica Conservatrice (Cpac), a cui interverrà venerdì il presidente americano, Donald Trump, ha ritirato l’invito al giornalista greco-

leggi...
Dal Nucleo Speciale per la Radiodiffusione e l’Editoria della Guardia di Finanza

Odissea 3, sequestrati altri 41 siti internet

Guardia di FinanzaROMA – Le Unità Speciali della Guardia di Finanza stanno eseguendo una nuova operazione a contrasto della pirateria on line coordinata dalla Procura dalla Repubblica di Roma.
Sono in corso di esecuzione i sequestri preventivi mediante oscuramento, su apposito decreto emesso dal Gip del Tribunale capitolino, di 41 siti web che consentivano l’illecita fruizione di film di primissima visione, nonché di eventi sportivi di cartello, in violazione dell’articolo 171 della legge 633/41.
In particolare i domini rendevano disponibile in totale evasione dei diritti, il più aggiornato catalogo di film di prima visione, da “I Magnifici

leggi...
Da Trieste un Manifesto per ridurre, arginare e combattere le degenerazioni della Rete

Parole O_stili, stop al linguaggio dell’odio

Parole ostiliTRIESTE – Fnsi e Assostampa del Friuli Venezia Giulia hanno partecipato alla manifestazione “Parole O_Stili”, aderendo al manifesto contro il linguaggio dell’odio e della violenza, in rete ma non solo, presentato ieri alla

leggi...
Alla Presidenza del Consiglio la presentazione del volume di Francesco Di Costanzo

PA Social, nuova frontiera del giornalismo

PA SocialROMA – Una rivoluzione. È quella in corso nel mondo della pubblica amministrazione italiana e nel rapporto tra enti e aziende pubbliche e cittadini. Una rivoluzione portata dal web e dai social network e dal radicale cambiamento che sta vivendo la figura del comunicatore pubblico.
Negli ultimi anni molte cose stanno cambiando, in positivo, la pubblica amministrazione sta lentamente abbandonando la sua immagine burocratica, lenta, lontana, grazie all’impronta che stanno lasciando social e chat (da Facebook a Instagram, da Twitter a You Tube, da Snapchat a WhatsApp fino a Telegram, Facebook Messenger, Linkedin) attraverso nuove figure professionali, nuovi servizi e linguaggi, innovazione.
Stare dove stanno i cittadini, informarli dove preferiscono, essere punto di riferimento sui principali social network, questo è l’obiettivo da raggiungere per un settore pubblico davvero a portata di smartphone.
Servono voglia di fare, professionalità,

leggi...
Thomas Hargrove ha creato un database degli omicidi negli Usa: già un arresto

Da un giornalista il software che incastra i killer

Il giornalista detective Thomas Hargrove

Il giornalista detective Thomas Hargrove

ROMA – Stanare i serial killer attraverso un software: quello che fino all’altro ieri sembrava fantascienza oggi è realtà, grazie a un giornalista americano, Thomas Hargrove, che ha avuto l’intuizione quasi per caso, analizzando un lunghissimo dossier dell’Fbi per un reportage sul mercato della prostituzione al quale stava lavorando. Il suo metodo ha portato all’arresto di un uomo di Gary, nell’Indiana, colpevole di aver strangolato decine di donne negli anni ’90.
Da anni in pensione, Hargrove ha fatto della lotta al crimine il suo nuovo progetto di vita. Il reporter ha fondato Map (Murder Accountability Project), una

leggi...
Entro il 21 febbraio le iscrizioni al concorso. Il Festival a Riccione dal 23 al 25 giugno

Giornalismo d’inchiesta: tornano i Dig Awards

DIG awardsRICCIONE (Rimini) – Tornano i Dig Awards, premi internazionali dedicati al giornalismo d’inchiesta video che saranno assegnati a Riccione durante il prossimo Dig Festival, in programma dal 23 al 25 giugno 2017.

leggi...
Per l’enciclopedia on line “non è una fonte attendibile”. Da sostituire 12mila link

Daily Mail: Wikipedia lo mette al bando

Daily MailLONDRA (Gran Betagna) – Il sensazionalismo non paga più, neanche su Wikipedia. L’enciclopedia online ha annunciato la volontà di limitare l’utilizzo degli articoli del Daily Mail come fonte.
Il motivo? “Pubblica notizie non verificate, fa scarso utilizzo del fact checking ed utilizza un taglio sensazionalistico”, ha risposto Wikimedia Foundation che gestisce Wikipedia, ma non ne controlla i processi di editing.
Gli editor che si occupano di modificare le voci dell’enciclopedia online più famosa del mondo, sono stati chiamati a decidere e il responso è arrivato ieri: il Daily Mail “non rappresenta una fonte attendibile”.
Dell’argomento se ne era già discusso nel 2015, dopo che uno degli editor aveva accusato la testata britannica di pubblicare notizie senza verificare le fonti e infischiandosene delle norme

leggi...
Finalizzati alla promozione del ruolo e della natura politica del Parlamento Europeo

Sovvenzioni Ue per nuovi progetti dei media

Parlamento EuropeoBRUXELLES (Belgio) – La Direzione Generale della Comunicazione (Dg Comm) del Parlamento Europeo ha annunciato la pubblicazione di nuovi bandi per l’invio di proposte di partnership riguardanti il cofinanziamento di attività di comunicazione volte a promuovere e migliorare la comprensione del ruolo e della natura politica del Parlamento Europeo nei media, con particolare riferimento a

leggi...
“Non è giornalismo diretto, ma l’avvio di un dialogo per un giornalismo migliore”

Nasce Casa Agi: “Diamo voce ai lettori”

agi_logoROMA – Da quando con Marco Pratellesi siamo arrivati in Agi, il 3 ottobre scorso, abbiamo sempre cercato un dialogo con i lettori. Un po’ per carattere e molto perché nell’era della comunicazione digitale quel dialogo è naturale, scontato e obbligato. Nel senso che puoi anche provare a sottrarti, ma le persone leggono, reagiscono e commentano. E se tu non rispondi hai perso.
Ma c’è una ragione più profonda per cui abbiamo subito aperto le porte del cantiere dell’Agi a chi volesse seguire il nostro lavoro: e la ragione è che spesso, quasi sempre, con il contributo degli altri il tuo

leggi...
design   emme21