Lidia e Christian De Angelis picchiati selvaggiamente da una decina di persone

Calci e pugni a due fratelli giornalisti

Lidia De Angelis

Lidia De Angelis

AVERSA (Caserta) – I fratelli Lidia e Christian De Angelis, giornalisti pubblicisti di 36 e 32 anni iscritti all’Ordine della Campania, sono stati aggrediti e picchiati con calci e pugni da un gruppo di persone ad Aversa.
Verso mezzogiorno avevano appena parcheggiato la loro autovettura in piazza Principe Amedeo, nei pressi della Villa Comunale, quando una decina di persone li hanno circondanti e aggrediti picchiandoli selvaggiamente.
Botte anche al padre dei due giornalisti, intervenuto in loro difesa. Per le ferite riportate, tutti sono finiti all’Ospedale Moscati di Aversa a bordo di un’ambulanza del 118.
Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale, mentre ad indagare sull’episodio sono i

leggi...
La Polizia interviene in un appartamento sfitto di via Lincei a Roma messo in vendita

Sgomberata casa Inpgi occupata abusivamente

Via dei Lincei Roma

Pierangelo Maurizio

Pierangelo Maurizio

ROMA – Inizia a diventare problematica la situazione degli appartamenti sfitti del Fondo immobiliare Inpgi Giovanni Amendola. Ieri sera è stato occupato un appartamento sfitto di via dei Lincei, nel quartiere di Tormarancia, che rientra nella prima tranche degli alloggi ex Inpgi messi in vendita dalla società Investire Sgr. Un gruppo di persone si è introdotto

leggi...
Pensionato catanese in carcere grazie al coraggio di una ragazza oggi diciannovenne

Abusata, con le Iene fa arrestare il suo aguzzino

L’uomo

Marco Maisano de “Le Iene” con il pensionato catanese nel servizio del 12 aprile scorso

CATANIA – I carabinieri della stazione di Librino hanno arrestato un ex commerciante catanese di 74 anni per violenza sessuale su una ragazza oggi diciannovenne: per anni, per il timore di perdere l’appartamento che

leggi...
Trump lo difende, ma il New York Times è stato costretto a versare 13 milioni di dollari

Molestie sessuali: Fox News caccia Bill O’Reilly

Donald Trump e Bill O’Reilly

Donald Trump e Bill O’Reilly

WASHINGTON (Usa) – Come anticipato da alcuni media Usa, la rete conservatrice Usa Fox News, di Rupert Murdoch, ha di fatto licenziato la sua star più seguita, Bill O’Reilly, accusato di aver molestato sessualmente nel

leggi...
Nuova tegola sul programma Rai: il premio Oscar nega i finanziamenti pubblici

Benigni querela Report: “Falsità e diffamazione”

Roberto Benigni e la moglie Nicoletta Braschi

Roberto Benigni e la moglie Nicoletta Braschi

ROMA – È ancora bufera su “Report”. Due i fronti di polemica: uno riguarda i vaccini (in particolare, come riferito ieri, il vaccino contro il papilloma virus, ndr), l’altro l’inchiesta sui finanziamenti allo spettacolo con la querela di Roberto

leggi...
Maximino Rodriguez Palacios, 72 anni, componente del Sindacato messicano

Giornalista assassinato davanti alla moglie

Maximino (Max) Rodriguez Palacios

Maximino (Max) Rodriguez Palacios

LA PAZ (Messico) – Venerdì Santo di sangue per il giornalismo messicano. Maximino Rodriguez Palacios, 72 anni, è stato assassinato davanti al centro commerciale City Club Forjadores di La Paz, capitale dello Stato della Bassa

leggi...
La giornalista de La Stampa malmenata, imbavagliata e derubata nella sua casa

Condannato l’aggressore di Emma Camagna

Emma Camagna

Emma Camagna

ALESSANDRIA – Condannato a 7 anni e mezzo di reclusione l’albanese che, nel pomeriggio di Pasqua dello scorso anno, ha aggredito, legato, imbavagliato e rapinato la giornalista Emma Camagna all’interno della propria abitazione di Alessandria.
Il Tribunale della città piemontese, presieduto da Luisa Camposaragna, ha infatti condannato Francisko Dudija, albanese di 32 anni, riconoscendolo colpevole dei reati di sequestro di persona e rapina a danno della giornalista del quotidiano La Stampa. L’albanese ha avuto una sensibile riduzione della pena in virtù della concessione delle attenuati generiche, accordate dal pubblico ministero Giovanni

leggi...
Tra loro diversi giornalisti, accusati di far parte della rete eversiva Ergenekon

Turchia: assolti 13 imputati nel processo Oda Tv

ODA TVISTANBUL (Turchia) – Un tribunale di Istanbul ha assolto i 13 imputati nel processo Oda Tv, tra cui diversi giornalisti, che erano accusati di far parte della supposta rete eversiva Ergenekon. Lo riportano media locali.
L’inchiesta, avviata nel 2011, è ritenuta tra quelle che sarebbero state manipolate dai magistrati vicini alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen per colpire gli avversari politici.
Tra i reporter assolti, ci sono Nedim Sener e Ahmet Sik, noti per le loro denunce delle infiltrazioni di Gulen nelle fila di polizia e magistratura, all’epoca in cui era un alleato chiave del presidente Recep Tayyip Erdogan, prima della rottura definitiva

leggi...
Il giornalista Rai scagionato con formula piena: regolari i suoi esami universitari

Assolto Pino Nano dopo 5 anni di calvario

Pino Nano (Foto Giornalistitalia.it)

ROMA – “Assolto perché il fatto non sussiste”. Si conclude, così, con la più ampia formula di assoluzione, il calvario del giornalista Pino Nano, caporedattore centrale dell’Agenzia Nazionale della Tgr a Roma, già

leggi...
Tra giornalisti e dipendenti. La Fnsi: “Di nuovo in piazza contro il bavaglio turco”

Turchia: chiesto l’ergastolo per 30 a Zaman

 Erdogan

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan

ANKARA (Turchia) – Il procuratore capo di Istanbul ha chiesto la condanna all’ergastolo per 30 tra giornalisti ed ex dipendenti del gruppo media Zaman, prima commissariato e poi soppresso lo scorso anno per il motivo di

leggi...
design   emme21