Il giornalista deputato boccia senza appello il sottosegretario di Stato all’Editoria

Mulè: “Con Crimi dal bavaglio alla ghigliottina”

Da sinistra: il sottosegretario Vito Crimi ed il giornalista deputato Giorgio Mulè

ROMA – «Un tempo i giornalisti mettevano in guardia i cittadini dal “pericolo bavaglio” o dalla “censura” a opera della politica. Con l’arrivo di Vito Crimi a sottosegretario di Stato con delega all’Editoria bisogna prendere atto che dal

leggi...
Giornali e giornalisti esclusi dalla comunicazione istituzionale e dalle conferenze

Lista di proscrizione al Comune di Taranto

Da sinistra: Enzo Ferrari, direttore di Taranto Buonasera, e Rinaldo Melucci, sindaco della città

TARANTO – “Sarà un caso, ma proprio all’indomani della nostra denuncia sulla esclusione di Taranto Buonasera dalla comunicazione istituzionale del Comune, da Palazzo di Città è arrivato alla nostra redazione un comunicato

leggi...
L’europarlamentare di Forza Italia boccia le “pericolose" posizioni del sottosegretario

Gardini: Crimi punta al controllo dell’informazione

Elisabetta Gardini, europarlamentare di Forza Italia

ROMA – “Le posizioni del sottosegretario con delega all’Editoria Crimi sul settore sono pericolose per il pluralismo e la stessa libertà dell’informazione e causeranno, se messe in atto, la perdita del posto di lavoro per centinaia e

leggi...
Una volta al Governo il sottosegretario M5S vorrebbe che si parlasse solo di bellezza

Crimi detta la “ricetta” della buona informazione

Vito Crimi, sottosegretario di Stato all‘Editoria

NAPOLI – “Sono due gli elementi chiave nella narrazione della reputazione di un Paese. Da una parte ci sono le imprese che si relazionano con l’estero e sono la prima vetrina. Se queste imprese si presentano bene, ciò è un

leggi...
In Turchia vergogna senza fine del regime di Erdogan contro la libertà di stampa

Condanne fino a 10 anni ai giornalisti di Zaman

Ali Bulac, Mumtazer Turkone, Ibrahim Karayegen, Sahin Alpay,

ISTANBUL (Turchia) – Un tribunale di Istanbul ha condannato sei giornalisti a pene detentive comprese tra gli otto anni e nove mesi e i dieci anni e sei mesi dopo averli giudicati colpevoli di “sostegno ad organizzazione terroristica”.

leggi...
“Colpevole” di aver criticato un’esibizione di sexy lavaggio patrocinata dal Comune

Giornalista cacciato dal Consiglio Comunale

Un’esibizione di sexy lavaggio

SAN CIPIRELLO (Palermo) – Il giornalista Leandro Salvia, collaboratore del Giornale di Sicilia, è stato cacciato dall’aula consiliare del Comune di San Cipirello, in provincia di Palermo, dal presidente del Consiglio comunale che,

leggi...
Nel rapporto Yjs rapimenti, arresti, torture, blocco dei siti web e retribuzioni sospese

Yemen: violata 100 volte la libertà di stampa

SANAA (Yemen) – Nella prima metà del 2018, sono stati registrati in Yemen almeno 100 casi di violazioni della libertà di stampa. Secondo quanto denunciato dal sindacato dei giornalisti yemeniti (Yjs), “le statistiche mostrano che

leggi...
In Marocco con l’accusa di aver tentato di danneggiare la sicurezza interna dello Stato

Condannato il giornalista Hamid el Mahdaoui

Hamid el Mahdaoui

RABAT (Marocco) – Il giornalista Hamid el Mgahdaoui è stato condannato a scontare 3 anni di reclusione per “omessa denuncia di un tentativo di danneggiare la sicurezza interna dello Stato” nell’ambito del processo che, in

leggi...
Rigettata l’istanza del legale del quotidiano e degli indagati che salgono a quattro

Il Mattino di Padova: il Riesame dice no

VENEZIA – Il Tribunale del Riesame di Venezia ha rigettato l’istanza presentata dal legale del quotidiano Il Mattino di Padova e dei giornalisti indagati per “favoreggiamento alla mafia” e “divulgazione di segreto istruttorio” per

leggi...
Assurda accusa delle autorità saudite a Shireen al-Rifaie della tv Al Aan di Dubai

“Vestiti indecenti”, giornalista sotto inchiesta

Shireen al-Rifaie in studio e nel video ritenuto “scandaloso” dalle autorità saudite

RIAD (Arabia Saudita) – Le autorità saudite hanno aperto un’inchiesta contro una giornalista televisiva, accusata di essere stata vestita in modo “indecente” durante un servizio per strada in cui presentava la fine del bando per le

leggi...
design   emme21