Maxi-impegno con maxi-competenze piuttosto diversificate per un piccolo compenso

Museo Archeologico di Taranto, a pensar male…

Pippo Mazzarino, presidente dei revisori

Giuseppe Mazzarino

TARANTO – AAA Cercasi addetto stampa per importante istituzione culturale pubblica. Giornalista? Oddio, se proprio capita… ma non è richiesto. Sono richiesti, invece, la laurea magistrale (o quella quadriennale vecchio ordinamento), la buona conoscenza dell’Inglese parlato e scritto, la presenza nel posto di lavoro (il Museo nazionale archeologico di Taranto) negli orari d’ufficio, la reperibilità telefonica e disponibilità a partecipare ad eventi ed iniziative anche in orario serale e in giorni festivi, ottime capacità di utilizzo degli strumenti informatici e dei sociali network, comprovata conoscenza dei settori della comunicazione, dei media regionali nazionali ed internazionali e della promozione. È richiesta inoltre una esperienza almeno quinquennale “presso altro Ente per le medesime attività oggetto dell’avviso”.
Fra le cose che questo intellettuale polivalente ed

leggi...
Il cuore della professione sta nella libera interpretazione senza travisare i fatti

La terzietà è del giudice, non del giornalista

Il fermo di Roberto Spada eseguito dai carabinieri di Ostia

L’arresto di Roberto Spada eseguito dai carabinieri di Ostia

ROMA – Premessa: ad Ostia, quartiere romano il cui Consiglio è stato sciolto per infiltrazioni mafiose, e si sta votando per il rinnovo, un giornalista Rai ed il suo operatore sono stati aggrediti violentemente da un energumeno,

leggi...
Stop all’esercizio abusivo della professione e regole certe e ferree per i giornalisti

Riportiamo Ordine nel selvaggio West del Web

Giuseppe Mazzarino

Giuseppe Mazzarino

ROMA – Fino all’avvento del Web, e più ancora dei social media, l’informazione tecnologicamente diffusa era sostanzialmente unidirezionale: giornali, manifesti, libri, cinema, radio, televisione non consentivano possibilità di reazione immediata, ovvero di interattività. L’unico mezzo tecnologico che la consentiva (a parte la radio delle origini, e per breve periodo) era il telefono, non a caso utilizzato per la comunicazione interpersonale (e nella stragrande maggioranza dei casi solo fra due persone) e non per l’informazione.
L’informazione andava da un soggetto emittente ad un pubblico, sempre più numeroso, di lettori (in senso ampio, comprendendo cioè anche chi, illetterato o semi-illetterato, si limitava a guardare i manifesti nella parte visiva e non a leggerne i testi di accompagnamento), di radioascoltatori, di

leggi...
Tra minacce, aggressioni e querele temerarie da boss, teppistelli e... “lor signori”

Vita da cronisti, ma il pericolo non è un mestiere

Giuseppe Mazzarino

Giuseppe Mazzarino

ROMA – Il pericolo non è un mestiere. Non dev’esserlo per gli operai edili né per i ferrovieri. E non dovrebbe esserlo nemmeno per i cronisti. E invece…
Invece assistiamo ormai quotidianamente a minacce ed aggressioni, variamente modulate e variamente pericolose, tendenti a tappare la bocca, qualche volta definitivamente, a giornalisti “scomodi”, come dovrebbero esserlo sempre, per potenti o presunti tali, politici, pezzi grossi dell’amministrazione pubblica, ma anche boss mafiosi o loro luogotenenti e persino teppistelli (meno importanti ma sempre pericolosi). Il tutto nell’assenza di tutele e di garanzie.
Non sempre, infatti, le minacce e le aggressioni sono di tipo fisico. A volte

leggi...
design   emme21